Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Sapevate che il cappuccino è stato ispirato dai frati cattolici del XVI secolo?

Order of Friars Minor Capuchin
Condividi

Il nome della popolare bevanda fa riferimento al saio marrone e alla corda bianca dei frati cappuccini

Il cappuccino, a base di caffè e latte schiumato, è probabilmente una delle bevande più famose in tutto il mondo, ma non tutti sanno che il suo nome deriva dai frati cappuccini, nati in Italia nel XVI secolo.

CAPPUCCINO
Public Domain

Fondato nel 1525 da Matteo da Bascio, l’Ordine cappuccino era una costola del movimento francescano e voleva riscoprire i valori originali di povertà e semplicità che avevano ispirato San Francesco nel XIII secolo. I Cappuccini scelsero un semplice saio marrone con il cappuccio e una corda bianca con abito, e si dice che abbiano preso il loro nome dal fatto che i bambini locali li chiamavano appunto “Cappuccini” per prendere in giro il loro lungo cappuccio appuntito. Oggi al mondo ci sono circa 11.000 frati cappuccini, e tra i santi cappuccini più noti c’è Padre Pio.

Order of Friars Minor Capuchin
Fray Foto | Cathopic CC0

La data esatta in cui venne usato per la prima volta il termine “cappuccino” per descrivere la celeberrima bevanda è meno chiara. Alcuni sostengono che le sue origini risalgano agli anni Ottanta del Seicento, quando l’imperatore austriaco Leopoldo I prese come confidente un frate cappuccino, Marco D’Aviano. Fu allora che i caffè viennesi iniziarono a creare il caffè “kapuzin”. Per altri il termine è nato nell’Italia degli anni Trenta del Novecento, quando l’invenzione della macchina per fare l’espresso rese possibile la versione moderna del “cappuccino”.

Ad ogni modo, è all’abito marrone e bianco dei frati cappuccini che dobbiamo il nome di una delle bevande più amate del pianeta!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni