Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Chiesa

Il diavolo gli incendia la cella. San Martino resta dentro a pregare ed esce illeso

SAINT MARTIN DE PORRES

Divulga Ebrafol Brazilian Team | Forensic Anthropology and Odontology

don Marcello Stanzione - pubblicato il 18/06/20

Gli assalti del demonio sono reali eccome. A volte anche violenti, come ci insegna questo episodio accaduto a San Martino de Porres, il primo domenicano canonizzato nell'America Latina

Tra le immagini più diffuse di san Martino de Porres (1579-1639), peruviano, primo santo domenicano canonizzato dell’America Latina ce n’è una che ce lo presenta inginocchiato su una nube sopra le Ande peruviane tra due graziosi angeli.

I due angeli

L’angelo alla sua destra è raffigurato reggente con una mano un grosso giglio e con l’altra riversante da un vaso acqua sulla terra, simbolo delle grazie che Dio dà al mondo per intercessione di questo santo.

L’angelo alla sinistra di fra Martino invece accarezza con entrambe le mani una fiamma di fuoco simbolo della sua ardente carità. Non è un’immagine “di maniera” perché leggendo le biografie di san Martino si nota che durante la sua vita quest’umile frate domenicano ebbe intensi rapporti con gli angeli.

San Martino de Porres, rappresentato in estasi durante una preghiera

Giovani ragazzi che poi sparivano

Devotissimo soprattutto al suo angelo custode, quando di notte per soccorrere poveri si aggirava per le strade senza luce di Lima, da lui era guidato e grazie a lui ritornava senza problemi attraverso il buio al suo convento.

Nella biografia scritta da J. C. Kearns: “The Life of Blessed Martin de Porres: Saintly American Negro and Patron of Social Justice” troviamo che la Vergine Maria spesso gli inviava altri angeli in aiuto. “Questi gli si presentavano sempre sotto l’aspetto di giovani ragazzi con in mano delle candele accese per accompagnarlo dal dormitorio al coro e poi sparivano. Questo privilegio fu visto e testimoniato da molti confratelli del Santo”.

L’assalto del diavolo

In un’altra occasione i preti e i fratelli della sua comunità domenicana videro un giorno fra Martino in compagnia di due angeli che lo assistevano durante la recita dell’Officio della Vergine. Un’altra volta il Santo fu visto camminare nel chiostro del convento in compagnia di quattro Angeli che portavano delle torce illuminate nelle loro mani. Martino subì però anche assalti del demonio. Una volta il diavolo gli incendiò la cella. 

Flickr

Il fumo nero e la corsa dei confratelli

Un fitto fumo nero cominciò a fuoriuscire dalla sua camera. Due suoi confratelli che si trovavano a passare nel corridoio, si precipitarono subito nella cella per aiutarlo.

Appena aprirono la porta si trovarono di fronte a delle fiamme spaventose e tutto sembrava ormai perso quando improvvisamente scorsero S. Martino che pregava in ginocchio completamente illeso.

La rassicurazione di San Martino

Il santo allora con calma rassicurò i suoi confratelli facendo loro notare che nonostante le fiamme danzassero intorno ai mobili, non era stato distrutto niente. Spiegò loro che era un’illusione creata dal demonio per terrorizzarlo e fargli perdere la fiducia in Dio.




Leggi anche:
San Martino de Porres e gli angeli




Leggi anche:
Ecco le regole di Sant’Ignazio per tenere lontano il diavolo dalla tua vita


THE TEMPTATION OF CHRIST BY THE DEVIL

Leggi anche:
Una preghiera serale per rinunciare al diavolo e alle sue tentazioni




Leggi anche:
Il Papa: il diavolo vuole distruggere la Chiesa per invidia col potere e i soldi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
angelidiavolosanti e beati
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni