Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 30 Gennaio |
Santa Giacinta Marescotti
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Il vero “lockdown” è quello del peccato, siamo fatti per amare ed essere amati

marco-bianchetti-srAXLWxkN4g-unsplash.jpg

Marco Bianchetti on Unsplash

Don Antonello Iapicca - pubblicato il 17/06/20

Cosa possiamo imparare da questa dura lezione della pandemia, come cristiani? Ecco cosa ci sta dicendo: ancora una volta, ma forse più chiaramente, la verità su noi stessi. Non siamo fatti per la chiusura che l'egoismo e la paura ci suggeriscono.

Questo tempo di coronavirus, tra difficoltà, paure, angosce e dolore è un’offerta a credenti e non credenti, di ciò che realmente rende l’uomo infelice frustrandone la vocazione più alta. Ma è anche un tempo favorevole, come i quarant’anni trascorsi dal Popolo di Israele nel deserto nei quali ha conosciuto il suo cuore e che non poteva vivere di solo pane ma che aveva bisogno della Parola vivificante di Dio. Così anche noi, in questi lunghi giorni di precarietà, possiamo riconoscere la causa della sofferenza, e, sperimentando i limiti e l’impotenza delle risorse umane, possiamo accogliere con umiltà Colui che ci offre gratuitamente la salvezza.

L’esperienza simbolica di Adamo ed Eva tramandata nei millenni dalla Chiesa ci offre oggi una calzante metafora per la situazione alienante che ognuno di noi a suo modo sta sperimentando in questo tempo
In un bellissimo mosaico della Cattedrale di Otranto, Adamo ed Eva appaiono rinchiusi in un cerchio di morte per aver creduto alle menzogne del serpente. Non possono uscire da se stessi per amare l’altro che è diventato nemico, perché hanno sperimentato la morte che, a causa del peccato e delle diversità inaccettabili, si sono dati mutuamente. Sono chiusi in un “lockdown” imposto dal virus del peccato, della superbia sperimentata per aver dato ascolto all’inganno del demonio. Una situazione innaturale, come tutti abbiamo sperimentato in questo tempo di coronavirus. Tutti ci siamo sentiti in prigione, obbligati alla solitudine, in una coltre oscura di sospetti e di paure, persino nei confronti delle persone più care, del coniuge, dei figli e dei nonni, per non parlare di parenti ed estranei, tutti potenziali “nemici” perché possibili untori capaci di trasmetterci la morte.

Proprio questa esperienza ci ha condotto al limite della pazienza e della resistenza umana, che ci ha fatto provare la vera fame dell’anima nello sbattere quotidiano dei nostri sentimenti e desideri sull’obbligo a restare a casa, ha mostrato a tutti, credenti e no, quanto tutto ciò che ci separa dall’altro sia innaturale per l’uomo. Questi mesi di lockdown ci hanno rivelato l’unico e vero problema dell’uomo, la radice della sofferenza e della frustrazione, del fallimento della vita, ovvero l’impossibilità di uscire da se stessi per amare l’altro così come è.

Dopo gli iniziali slogan #andràtuttobene e #noirestiamoacasa, ci siamo tutti ben presto resi conto che quella insopportabile chiusura forzata delle nostre case non era adeguata al nostro essere, anzi era nemica della nostra natura, al punto che molti hanno sofferto, e soffrono ancora, problemi seri a livello psichico.




Leggi anche:
Quando l’Ulisse dantesco c’insegnò che il cuore impazzisce in quarantena

Questa esperienza esistenziale comune a tutti gli uomini ci ha consegnato la verità che tante ideologie e tante filosofie hanno negato e continuano a negare. La verità sull’uomo che non è stato creato per vivere ripiegato su se stesso e che il demonio, con i suoi sofismi, ha cercato di negare imputando all’altro, alle strutture sociali e politiche, alla storia di ciascuno, a Dio stesso, bestemmiato o negato, le ragioni e le cause delle sofferenze. L’impossibilità e la sofferenza di vivere segregati con rapporti umani limitati e segnati dal sospetto e dalla paura è il segno profetico che ci rivela come la radice velenosa che avvelena l’esistenza sia in ciascuno di noi, non fuori.

Non siamo stati creati per vivere chiusi in casa, che è metafora dello stare, magari delusi e sfiduciati, ripiegati su noi stessi, chiusi nel vittimismo con cui ci accarezziamo le ferite, rendendole ogni volta più infette e sanguinanti. Non siamo nati per vivere nella paura di morire, e quindi nel sospetto, nel giudizio e nel pregiudizio, nel rancore sordo che medita vendetta travestita da giustizia. Lo abbiamo sperimentato in questo tempo. Ci ha soffocato, credevamo di morire in gabbia, sottratti a quella “normalità” ideale tanto agognata e irraggiungibile. Anche il desiderio di un caffè al bar con il collega a parlare di calcio o di politica, ci ha offerto un frammento dell’impronta divina che tutti rechiamo impressa, definita dall’amore e dalla comunione, dalle relazioni e dall’apertura gratuita all’altro. Perché la vera normalità per l’uomo creato da Dio è amare, trascendersi nel tu che abbiamo di fronte, non il grigiore di chi, anche nella normalità, si aliena in “dorati lockdown” di falsi piaceri ed effimere gioie. Per questo “ripartire” non può essere che “risuscitare”, uscire dalla tomba di una vita sprecata nell’egoismo e nella solitudine chiassosa di relazioni virtuali, e camminare in una vita nuova.

Il lockdown infatti è metafora del sepolcro nel quale siamo caduti per aver dato ascolto alla menzogna del demonio. Apparendo nel giardino dell’Eden accanto all’albero, satana interpreta la Parola di Dio, e così inganna Adamo ed Eva paventando la letalità di un virus inesistente creato da lui stesso.

Il falso virus della gelosia di Dio nei confronti delle sue creature, per cui il comando di non mangiare dei frutti dell’albero della conoscenza del bene e del male ne limiterebbe la libertà di poter diventare come Lui.

Dio non mi vuole bene, e per questo mi vuole schiavo di un’obbedienza che mi preclude il guardare, toccare e mangiare quello che invece ai miei occhi è bello, buono da mangiare, e desiderabile per acquistare sapienza. Dando seguito alla menzogna del demonio, Adamo ed Eva hanno mangiato il frutto proibito, e, contrariamente alle parole del serpente, subito hanno sperimentato la morte del loro essere. Quel frutto che il demonio ha spinto a inocularsi come un “vaccino”, si è rivelato un veleno mortale; avrebbe dovuto proteggerli dalla prepotenza di Dio, invece, separandoli da Lui che è la fonte della vita e dell’amore, li ha lasciati nudi, preda della malizia, divisi e rancorosi tra loro, schiavi della paura di morire.
Questo che sembra un raccontino della Bibbia coincide perfettamente con quanto è apparso in questi mesi di confinamento a casa, che è il dramma esistenziale di ogni uomo. La paura di morire è emersa prepotente in tutti noi, e ci ha consegnati tremanti e nevrotici, preda del panico e del sospetto, a qualunque condizione ci venisse imposta. Di più, proprio come ha fatto Eva nel dialogo con il serpente quando, accanto al non mangiare, ormai sedotta dal demonio, ha aggiunto il divieto di toccare l’albero che Dio non aveva dato, spesso abbiamo addirittura aggiunto regole nostre, pur di difenderci dal virus e dalla sua letalità. Le sterilizzazioni casarecce della spesa ad esempio… Certo, a differenza della menzogna su Dio del demonio, il coronavirus sembra proprio che vi sia stato e continui ad esserci, ma la vera questione è l‘effetto su tutti noi della pandemia e di tutto ciò che, ad essa legato, ha caratterizzato questo tempo. Ci siamo ritrovati nudi, nascosti, sospettosi e pieni di paura: “ho avuto paura e mi sono nascosto” risponde Adamo a Dio che lo cercava dopo aver consumato il peccato.

E così anche noi, ciascuno nella sua personale storia, è stato indotto a dubitare dell’esistenza di Dio creatore e padre e quindi ad accettare di essere profondamente soli in questa esistenza. E questo per aver accettato la menzogna del demonio con cui, in mille astutissimi modi, ci ha indotto a dubitare di Dio, a credere che non ci amasse perché altrimenti certe cose nella nostra vita non sarebbero dovute accadere, ci siamo illusi che facendo di testa nostra saremmo potuti diventare come Lui, arbitri incontestabili dei nostri destini. Come appare evidente in ogni ideologia che si illude, e illude, di cambiare in bene i destini dell’umanità. Come appare nel parossismo terrorizzante e nelle misure a volte assurde e liberticide con cui i governi – spesso favorevoli e propugnatori di aborto ed eutanasia – si illudono, e illudono, di poter sfuggire al virus e quindi alla morte. Il potere che si immagina come Dio, arbitro dei destini dei popoli a colpi di decreti e misure ad hoc (alcuni doverosi, per carità), governando nell’obbedienza alla menzogna primordiale del serpente: “non morirete affatto”, perché Dio non esiste. Da una parte danno morte ai più deboli e indifesi, dall’altro credono di poter fermare la morte incipiente, che, virus o non virus, ci attende tutti. Questa contraddizione insanabile, questo goffo tentativo di esorcizzare o vincere dolore e morte, si chiama paura del nulla, del buio oltre l’ultimo respiro, della morte. La paura che ha creato un cerchio intorno a noi, una barriera che ci separa dall’altro, e che diventa peccato, cioè fallimento del progetto originario di Dio su ciascun uomo. Il fallimento insopportabile che il lockdown ha reso palese in tutti.


SADNESS

Leggi anche:
Non di solo Covid-19 soffre l’uomo. Il prezzo salato della solitudine

Perché, proprio come questo tempo chiusi in casa, quel cerchio che, come un cappio, ci scorre intorno soffocandoci, è contrario all’immagine e somiglianza di Dio nelle quali siamo stati creati, l’amore senza riserve e difese, senza malizia, senza paura di donarsi. L’amore senza mascherine a proteggerci, cioè senza l’ipocrisia di maschere con le quali ci illudiamo di rendere innocuo l’altro attirandolo nelle nostre doppiezze. L’amore senza bisogno di tempi e spazi limitati dall’egoismo, ma offerto senza calcoli e misura. L’amore che non ha bisogno di precauzioni e vaccini, perché senza il veleno de peccato, della sua malizia, della concupiscenza e del possesso. In questo amore libero siamo stati pensati nell’eternità e per l’eternità; in questo amore gratuito è stata formata ogni nostra cellula; questo amore ha disegnato i nostri occhi, le mani, i piedi, il corpo; questo amore costituisce i pensieri, i desideri, le speranze, il carattere e le parole dell’uomo creato da Dio. Questo amore fa una comunione di Adamo ed Eva, e di ciascun maschio e femmina plasmati da Dio a sua immagine e somiglianza, cioè diversi eppure votati ad essere indissolubilmente uniti senza uniformarsi ma completandosi.

Questo amore perduto a causa dell’inganno del demonio, che ci ha rinchiusi nella solitudine che è presagio doloroso dell’inferno, ci è riconsegnato gratuitamente da Dio attraverso Cristo suo Figlio. Infatti, “poiché i figli hanno in comune il sangue e la carne, anch’egli ne è divenuto partecipe, per ridurre all’impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo, e liberare così quelli che per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita” (Eb. 2, 14-15). Con la sua morte in Croce Gesù ha distrutto la morte, e con la sua resurrezione ha spalancato la porta del sepolcro, e, nella sua carne, ha distrutto il muro di separazione tra gli uomini, facendo dei due un solo corpo, una sola vita nuova. Il suo sangue, secondo la Bibbia sinonimo di vita, ha attirato a sé ogni nostro virus maligno di peccato, sino ad ucciderlo e seppellirlo in una tomba.


PLASMA

Leggi anche:
Covid-19 e terapia al plasma: un’idea antica ed efficace. Il punto della situazione

Ma Cristo è risuscitato, è oggi vivo, e il suo sangue consegnato a noi, esattamente come il plasma iperimmune che sta guarendo tanti malati di Covid19, ha il potere di salvarci come un vaccino, trasmettendoci la sua vittoria sul demonio, il peccato e la morte. In Lui siamo liberi davvero, anche di restare chiusi in casa per mesi nella pace, nella gioia e nella comunione, come è accaduto a tante famiglie numerose, a tanti anziani, perché in tutti loro scorreva il sangue di Cristo iperimmune alle menzogne del demonio. Solo Lui infatti, può entrare a porte chiuse nei nostri lockdown, nelle prigioni interiori, rompere il cerchio di paura che ci tiene schiavi, spalancare le porte dei nostri cuori, liberarci da maschere e inutili ricorsi umani, per condurci, colmi del suo amore infinito, ciascuno alla nostro Adamo e alla nostra Eva, al fratello che il demonio ci aveva reso nemico, che invece è carne della nostra carne e ossa delle nostre ossa.

Siamo stati creati per amare, siamo nati “e non moriremo mai più”, ripeteva Chiara Corbella, che per amore della vita di suo figlio ha offerto la sua vita senza paura di morire, libera da ogni tipo di lockdown perché saziata sovrabbondantemente dall’amore di Dio. E così ogni cristiano raggiunto da questo amore, crocifisso con Cristo, può o entrare ogni giorno nelle morti che appaiono sul cammino – le umiliazioni, i rifiuti, la diversità dell’altro, i tradimenti, la precarietà economica, fisica e spirituale, la vecchiaia e le malattie – e sperimentare di essere, con Lui, più che vincitori perché partecipi della sua stessa vittoria sulla morte. “Esperti del morire” e per questo “esperti di risurrezione”, i cristiani sono chiamati ad essere testimoni della vita e dell’amore più forti della morte: “Portando sempre e dovunque nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo” (2 Cr. 4,10). E’ questa la risposta, l’annuncio vero e credibile che ogni uomo ha diritto di vedere e ascoltare, mai come in questo tempo così favorevole all’ascolto perché sono crollate tante false sicurezze e la precarietà regna sovrana.




Leggi anche:
Il papà di Chiara Corbella: “parlava con Dio e la Madonna come a persone di famiglia”

Tags:
coronaviruspeccato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni