Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconSpiritualità
line break icon

La "lezione di stile" di Gesù che un cristiano non deve dimenticare

Pixabay.com/Public Domain/ © aitoff

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 15/06/20

Essere cristiani comporta anche uno stile che spesso dimentichiamo di dover avere. La violenza, anche solo quella verbale, non dovrebbe mai caratterizzare la vita di un credente.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio” e “dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pòrgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello.
E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due.
Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle». (Mt 5,38-42)

Quanto è esigente la pagina del vangelo di oggi. Essa rappresenta il superamento della legge del taglione: “Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l’altra; e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due”. La cosa però che colpisce di più di questo discorso fatto da Gesù nella versione di Matteo, è la precisazione sullo schiaffo alla guancia destra. Gesù nel vangelo di Matteo non parla semplicemente di uno schiaffo, ma di uno schiaffo alla guancia destra. In realtà, a ben rifletterci, solo un manrovescio può percuotere la guancia destra. E questo tipo di schiaffi erano tipici, ai tempi di Gesù, dei padroni quando colpivano gli schiavi, o dei soldati romani quando percuotevano un ebreo. Letto in questo modo, lo schiaffo non è più semplicemente una violenza, ma una violenza accompagnata dal disprezzo, dal senso di superiorità di chi percuote. Inevitabilmente questo tipo di esperienza, fa nascere una grande rabbia, un senso di rivalsa, e un’infinita voglia di rispondere a tono. Gesù chiede invece di non farlo, di disarmare la violenza con la non violenza. Di mostrare una differenza sostanziale. Anche Lui durante il processo farsa che lo portò alla condanna a morte venne picchiato da un soldato. A quella violenza Gesù rispose con una frase disarmante: «Se ho parlato male, dimostrami dov’è il male; ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?» (Gv 18,23). Oserei dire che Gesù dà una lezione di stile che noi cristiani non dovremmo mai dimenticare. Infatti essere cristiani comporta anche uno stile che delle volte dimentichiamo di dover avere. La violenza in generale, ma anche solo quella verbale non dovrebbe mai caratterizzare un cristiano. Bisogna dire fermamente una cosa vera, ma mai dirla o affermarla con la violenza. Sarebbe una sconfitta per ciò che si vuol difendere.

Matteo 5,38-42

#dalvangelodioggi

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA DON LUIGI MARIA EPICOCO

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
vangelo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni