Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Stile di vita

Come affrontare con serenità un dibattito sulle reti sociali

Pathdoc / Shutterstock

Michael Rennier - pubblicato il 15/06/20

Forse sono una persona eccezionalmente testarda, ma i miei commenti su Internet non sono mai stati aggressivi, non hanno mai fatto pressioni o mi hanno fatto vergognare al punto da cambiare idea su qualcosa.

Ciò non significa che non cambi mai idea – chi sbaglia spesso come me non può non imparare a mandar giù il proprio orgoglio. Quando cambio direzione, è sempre per via di un esempio gentile, una spiegazione paziente o un appello all’empatia. È questo il tipo di argomentazione che funziona. È questo il tipo di interazione che può far cambiare idea a qualcuno ed esercitare un’influenza.

Se siete attivi sui social media, sapete bene quanto rapidamente le argomentazioni online si trasformino in insulti, facciano vergognare e mettano in discussione l’integrità di persone che la pensano in modo diverso. È questo il tipo di argomentazioni che non ha mai una risoluzione soddisfacente. Se l’obiettivo di una discussione è scoprire insieme la verità, queste dispute per vedere chi ha ragione e dichiarare la vittoria sono una perdita di tempo. Sono stressanti e contraddittorie, con l’unico obiettivo di vincere, indipendentemente dal costo umano.

Sono caduto spesso in questa trappola. Come scrittore e padre, comunico costantemente online. Pubblico materiale su questioni difficili, e spazio in una vasta gamma di opinioni. Cerco di evitare le controversie inutili, ma spesso resto sorpreso scoprendo che quella che ritenevo una dichiarazione inoffensiva ha provocato una reazione forte. Le persone discuteranno su quelle dichiarazioni, indicandomi i motivi per i quali sbaglio. A volte queste critiche sono del tutto corrette, e spesso sono presentate in modo cortese. Io cerco di ascoltare con la mente aperta. Alcune risposte, però, mi fanno alzare immediatamente la pressione sanguigna. In passato avrei risposto con una buona dose di orgoglio personale, ma con l’esperienza ho imparato a permettere alle persone di avere una voce, e resisto al desiderio di rispondere a tono. Non c’è problema nel lasciare che l’altro abbia l’ultima parola.

Internet è pieno di opinioni controverse. È naturale. Vogliamo comunicare ciò che è importante per noi, come ci sentiamo in relazione agli eventi attuali. C’è il desiderio di convincere gli altri a vedere il mondo come lo vediamo noi, o di provocare una conversazione razionale sui problemi. Indipendentemente da quanto sia nobile l’intenzione, i dibattiti online progrediscono raramente come si pensava.

Ciò non vuol dire che non possa esserci spazio per una discussione buona e sana. Riferendomi a un dibattito costruttivo, non penso alla retorica accalorata, alle accuse intelligenti, a una persona che cerca orgogliosamente di informare ed educare un’altra. E non voglio immaginare due persone che provano a convincersi di come l’altro sbagli. Mi riferisco a uno scenario in cui due persone cercano di arrivare alla verità insieme.

Prima di coinvolgere qualcuno in un argomento sostanziale, mi pongo alcune domande: si trasformerà in qualcosa di pregiudizievole? Se condivido la mia opinione, sono disposto ad ascoltare onestamente una risposta? Vale la pena di condividere la mia prospettiva in questo scenario particolare? Se non posso rispondere in modo soddisfacente, mantengo la mia opinione e vado avanti. Nel corso degli anni, sono stato grato in molte occasioni in cui mi sono limitato a farmi i fatti miei, e anche per i tanti amici che mi hanno insegnato molto con argomentazioni sane e positive.

Per me, qualsiasi buona discussione deve rispettare degli elementi fondamentali:

1 Fiducia reciproca

Dobbiamo sapere se la persona con cui stiamo comunicando è sincera, se sta discutendo in modo corretto e ha la mente aperta. Se non confido in una persona, non potrò mai sentire ciò che sta dicendo, e rimarrò frustrato perché non mi ascolta. E se è così, perché stiamo parlando?

2 Comprensione

Una discussione sana produce due vincitori, non un vincitore e un perdente. Se sto parlando con una persona solo per provare che sta sbagliando, le mie motivazioni hanno bisogno di un serio aggiustamento. Se ho la sensazione che qualcuno mi stia capendo male in modo intenzionale, definendomi un nemico o interpretando le mie parole in modo negativo, anziché darmi il beneficio del dubbio non parlerò. Dall’altro lato, se ho la sensazione che una persona stia cercando l’intesa reciproca parlerò anche tutta la giornata.

3 Conoscere la persona nella vita reale

Una delle mancanze delle comunicazione online è l’assenza di contesto e sfumature. La persona sta parlando con delicatezza o l’ultima frase era sarcastica? Le mie parole hanno ferito i sentimenti di qualcuno? A quella persona sta piacendo la discussione o si sente intrappolata e sta cercando di scappare? A queste domande è facile rispondere solo se l’altro è fisicamente presente. Metto sempre da parte la discussione di questioni serie per affrontarle personalmente, ma se discuto di qualcosa di serio online lo faccio sempre con qualcuno che conosco nella vita reale. È molto più probabile che ricordi che sto parlando con un essere umano reale, un amico che non voglio offendere.

E allora, come possiamo vincere in una discussione su Internet? Non possiamo! Non possiamo vincere se questo significa che qualcuno perde. L’amicizia, la gentilezza e l’empatia sono le cose più persuasive in un dibattito. In questo contesto, le argomentazioni devono essere divertenti e benefiche, offrire possibilità di apprendimento e rappresentare delle sfide per nuove prospettive di crescita personale.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
internet
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni