Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Devo essere fedele per tutta la vita anche se non sono felice?

DIVORCE
Photographee.eu - Shutterstock
Condividi

Tante separazioni nella vita matrimoniale. Tanti sacerdoti o seminaristi che lasciano il loro cammino. Tante vocazioni sicure che perdono la fede e intraprendono una strada diversa… Cosa va male nel cuore? È sbagliata la prima decisione o quella di ora? O forse nessuna è scorretta?

È come se sembrasse facile cambiare la strada intrapresa e iniziarne un’altra del tutto diversa. Facile cambiare le decisioni prese quando sperimento la fragilità del mio cuore. Facile cancellare tutta una vita di sforzi in un solo atto, in un momento di paura o di dubbio.

Come ci si può rifare una vita dopo aver subìto dolore, perdita, cambio di percorso?

Tante separazioni nella vita matrimoniale. Tanti sacerdoti o seminaristi che lasciano il loro cammino. Tante vocazioni sicure che perdono la fede e intraprendono una strada diversa…

Cosa va male nel cuore? È sbagliata la prima decisione o quella di ora? O forse nessuna è scorretta?

Non lo so.

Non giudico tante decisioni possibili. Sono rispettabili e non oserei mai dire se siano giuste o sbagliate. So solo che un cammino intrapreso crea delle aspettative. Qualsiasi decisione prenda ha le sue conseguenze. E influisce su molte vite.

DIVORCE
zimmytws - Shutterstock

Devo essere fedele fino alla fine della mia vita anche se non sono felice né pieno, anche se la vita che conduco non ha senso? Ho sentito spesso questa domanda, e non mi piacerebbe trovarmi al posto di quel cuore che vive questo dubbio tanto profondo.

Tutte le mie decisioni hanno delle conseguenze. Alcune dolorose. Soffrono degli innocenti. Cambiano tante cose… Un sì o un no. Le cose non restano uguali.

A volte, forse, non si sarebbe mai dovuto intraprendere il primo viaggio. Dio lo ha permesso, e ora permette altri progetti, altri cammini, mi ha reso libero. Forse succede quello che commentava una persona:

“Spesso faccio progetti e non chiedo a Lui cosa vuole per me”.

Si possono fare progetti e prendere decisioni importanti senza prima parlarne con Dio? È del tutto possibile. E poi può essere che il cammino sia insopportabile, e la felicità sognata non arrivi mai a realizzarsi.

manusapon kasosod | Shutterstock

Forse posso prendere la mia vita tra le braccia, armarmi di coraggio e integrità e portare avanti il mio cammino con il cuore in Dio perché mi dia forza. Posso farlo. Ma non posso esigerlo dagli altri.

Capisco allora chi cambia i propri progetti e prende decisioni diverse da quelle prese un giorno. Ma non smette di farmi male. Mi fa male per le conseguenze che implica ogni decisione.

Non lo giudico, ma non è nemmeno uguale per me. Ogni decisione ha conseguenze e devo diventare responsabile dei miei atti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni