Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Stile di vita

Come aiutare i figli ad affrontare la tristezza del periodo post-quarantena/fine scuola

SAD TEEN

Shutterstock

Calah Alexander - pubblicato il 10/06/20

Come genitori, vorremmo confortare i nostri figli quando soffrono, ma potrebbe essere più utile lasciar loro uno spazio per sentirsi tristi

L’anno scolastico più strano di sempre è ufficialmente terminato. L’estate – in genere attesa con ansia e ampiamente festeggiata – è arrivata in sordina. La maggior parte delle scuole ha fatto del proprio meglio per dare agli studenti un senso di festa, sapendo bene che sono rimasti separati dai compagni e dagli insegnanti in questi tre mesi di lezioni a distanza.

Se apprezzo profondamente le motivazioni degli insegnanti, le sfilate e i saluti dalla macchina sembravano solo approfondire il senso latente di irrealtà, estraneità e dolore che ci ha avvolti da marzo. I miei figli hanno messo su un bel sorriso, salutando i loro insegnanti, ma non appena ci siamo allontanati dalla scuola la maschera è caduta e i loro occhi si sono riempiti di lacrime.

Volevo confortarli, ma qualsiasi cosa avessi detto sarebbe suonata falsa. Dopo tutto, anche i miei occhi erano pieni di lacrime fin dal momento in cui eravamo entrati nell’area della scuola. Ho invece detto ciò che era vero e che tutti sapevamo: “Ragazzi, che tristezza!” Hanno assentito vigorosamente, asciugandosi le lacrime solo per vederne sgorgare altre. Abbiamo trascorso il resto della giornata in quell’alone strano di dolore che aleggiava fin dalla quarantena e ora ci aveva avvolti completamente.

Sì, stiamo tutti bene. Nessuno nella nostra famiglia ha perso il lavoro. Sono estremamente grata per quanto siamo benedetti per il fatto di aver attraversato indenni questa prova, ma nessuno di noi non ha avuto delle conseguenze.

Credo che costringere i miei figli a concentrarsi solo sulle cose positive non avrebbe fatto loro un favore. Hanno perso tante cose in questi mesi – ciascuno di loro aveva dei riti di passaggio che ha perso… per sempre. Le amicizie sono state messe in pausa, gli sport cancellati, e la gioia e la luce della primavera sono scomparse dal 2020.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
educazionepandemiaquarantena
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni