Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconChiesa
line break icon

Riemerge dall’oblio la croce presentata a Giovanna d’Arco sul rogo

HA / Aleteia

Hervé d'Argent - pubblicato il 09/06/20

La croce astile riposava nella parrocchia di Saint Nicolas de Pont-Saint-Pierre. Lo scorso sabato 30 maggio, anniversario della morte di Giovanna d’Arco e sua festa liturgica, ha fatto ritorno a Rouen per il centenario della canonizzazione.

La mattina del 30 maggio 1431, verso le 9, Giovanna d’Arco fu condotta su una carretta verso la piazza del mercato di Rouen. Dopo averle dato la possibilità di confessarsi e comunicarsi, un centinaio di uomini scortarono la diciannovenne Pulzella verso il rogo. Lungo il tratto, il canonico Loyseleur, che durante il processo aveva piegato la ragazza, venne preso dai rimorsi: cercò di intervenire e di chiedere perdono, ma fu violentemente allontanato. Lo storico Adrien Harmand racconta che

Giovanna fu issata sul rogo. Poiché ne fece richiesta, le andarono a cercare la croce processionale della parrocchia del Saint-Sauveur, che lei strinse a sé baciandola e piangendo. La lasciò quando la legarono allo stipite che sormontava la catasta di legna. Mentre la legavano, continuava ad alzare suppliche e lai verso Dio e verso i santi, invocando specialmente san Michele.

«Ho bruciato una santa»

Isambard de La Pierre, il prete che scortò la santa sul rogo, raccontò in occasione del processo di riabilitazione:

Mi aveva pregato di tornare lì vicino con la croce, quando avessero appiccato il fuoco, e di fargliela vedere fino alla fine – cosa che ho fatto.

HA / Aleteia
HA / Aleteia

Mastro Jacques Trémolet de Villers, presidente dell’Associazione degli Amici di Giovanna d’Arco e autore di numerosi libri molto documentati sull’argomento, prosegue così il racconto:

Dopo aver pronunciato sei volte il nome di Gesù, lo urlò un’ultima volta e poi – dalla sua testa caduta sulla spalla – tutti capirono che era morta. Il cronachista riporta che tutti piangevano, anche il vescovo Cauchon. Il più segnato dalla vicenda rimase il boia, il quale avrebbe confessato più tardi che «mai l’esecuzione di un criminale gli aveva dato tanta pena quanto quella di questa ragazza». Dopo aver gettato nella Senna il cuore della ragazza, non bruciato nel rogo a dispetto dell’olio, del legno e delle frasche rabboccate, disse pure: «Ho molta paura di finire dannato, perché ho bruciato una santa».

Il parroco di Heudicourt, che assistette all’orribile scena, fu anch’egli scosso e disse:

Durante l’esecuzione, mastro Jean Alépée, allora canonico di Rouen, era accanto a me. Piangeva da destare meraviglia e l’ho sentito dire: «Magari fosse la mia anima ad essere lì dove credo che sia quella di questa donna!».

600 anni più tardi

Secondo l’inventario stilato dal ministero della Cultura, proprietario dell’oggetto, la croce astile è un pezzo di oreficeria in legno coperto di cuoio e vetro, risalente probabilmente al XV secolo. Si legge sul catalogo: «IHS MA / Donato da me, Simon Langlois, sacerdote a Parigi, 1600». Dopo essere stato conservato nell’abbazia di Fontaine-Guérard de Pont-Saint-Pierre, a pochi kilometri da Rouen, la croce riposa finalmente nella parrocchia di Pont-Saint-Pierre, nel dipartimento dell’Eure. Poiché nel XVI secolo la chiesa del Saint-Sauveur a Rouen fu confiscata dagli ugonotti, l’oggetto fu trafugato e custodito da allora.




Leggi anche:
Orléans, la futura Giovanna d’Arco vittima di insulti razzisti

La croce doveva essere esposta in gran pompa per le Feste Giovannee di Rouen, previste per la fine dello scorso maggio. La crisi sanitaria ha fatto sì che le cose andassero diversamente, ma il parroco di Rouen, Geoffroy de La Tousche, ha approfittato della graduale riapertura per celebrare come si deve l’anniversario del martirio di Giovanna d’Arco e il centenario della sua canonizzazione nel 1920. Quasi 600 anni dopo la morte e cento dopo la canonizzazione, la croce venerata da Giovanna sul rogo è esposta agli abitanti della città. Dopo una presentazione a mons. Dominique Lebrun, arcivescovo di Rouen, una processione ha accompagnato la croce dalla cattedrale fino alla piazza del mercato. È stata poi celebrata una messa per commemorare l’oblazione della santa. Già alla sera la croce è stata riportata a Pont-Saint-Pierre.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
franciagiovanna d'arcomartiriomedioevopersecuzione cristiani
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni