Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Chiesa

Sarà presto beatificato il sacerdote martirizzato dallo Stato Islamico in Iraq

Twitter Benedict Kiely‏

Jesús Colina - pubblicato il 05/06/20

13 anni fa, padre Ragheed Ganni veniva assassinato insieme a tre suddiaconi, martiri dell'Eucaristia

Era il 13 giugno 2007. Padre Ragheed Ganni, di 35 anni, contro gli ordini dello Stato Islamico che aveva occupato con la forza Mosul, in Iraq, aveva appena finito di celebrare la Messa domenicale.

“Ti avevamo detto di chiudere la chiesa, perché non lo hai fatto?”, gli ha gridato uno dei combattenti barbuti dell’autoproclamato Califfato, lo Stato Islamico, che si erano presentati nel tempio sapendo che i cristiani vi si erano riuniti.

Il sacerdote aveva già ricevuto minacce ed era stato vittima di attentati dal 2004, perché offriva il suo servizio sacerdotale nella chiesa dello Spirito Santo di Mosul, e sapeva perfettamente quello che poteva accadergli.

“La Casa di Dio non si può chiudere”, ha risposto con semplicità al minaccioso jihadista.

Insieme a padre Ganni c’erano tre suddiaconi che lo avevano assistito durante la liturgia domenicale in rito caldeo: Basman Yousef Daud, Wahid Hanna Isho e Gassan Isam Bidawed. Quest’ultimo era accompagnato dalla moglie.

La conversazione non è proseguita. I soldati del jihad lo hanno costretto, spingendolo, ad allontanarsi da lei. Quando erano ormai fuori dal campo visivo della donna, hanno giustiziato a sangue freddo i quattro cristiani per il semplice crimine di aver pregato nella loro chiesa.

Gli assassini hanno abbandonato i loro corpi accanto alla chiesa, e li hanno circondati di esplosivo perché nessuno potesse avvicinarsi. La polizia di Mosul ha impiegato ore a disinnescare le bombe. Solo di notte le famiglie hanno potuto riabbracciare i corpi senza vita dei quattro martiri.

FATHER RAGHEED GANNI
Father Ragheed Ganni | Facebook

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
beatificazioneiraqmartiresacerdotestato islamico
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni