Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Brasiliana di 101 anni attribuisce la guarigione dal Covid-19 a un miracolo di Dio

Condividi

“Era il miracolo più grande che poteva fare per me. E lo ha fatto!”

Il 2 giugno, la signora Petronilia Souza Almeida ha vissuto un doppio festeggiamento: ha compiuto 101 anni e si è vista improvvisamente guarita dal Covid-19 grazie a quello che considera un miracolo del Padreterno per intercessione della Madonna.

È quello che ha risposto con grande convinzione a chi le ha chiesto come ha fatto a guarire dal coronavirus a più di 100 anni:

“Era il miracolo più grande che poteva fare per me. E lo ha fatto!”

La signora Petronilia vive ad Axixá do Tocantins. Lo Stato di Tocantins è vicino al Goiás, dove, nella città di Trindade, a circa 17 chilometri da Goiânia, è situato l’unico santuario di tutto il pianeta dedicato al Divino Padreterno.

“Mi sono aggrappata al Divino Padreterno e sono qui. Egli ha voluto darmi la salute per riprendermi e compiere un altro anno. Bevo tutti i giorni l’acqua benedetta nella Messa. La beve anche tutta la mia famiglia, e io prego per tutti noi. Il Divino Padreterno compie miracoli!”

La devota centenaria ha trascorso 6 giorni in terapia intensiva, lontana dalla famiglia ma fiduciosa nella possibilità di guarire.

Un percorso di fede e miracoli

Non è la prima volta che la signora sconfigge la morte. Nel 2012, una serie di problemi cardiaci ha fatto sì che i medici le dessero solo due mesi di vita. Sono trascorsi quasi 10 anni. Da allora ha rafforzato la sua fede nel Padreterno, accompagnando in particolare la novena a Lui dedicata.

La signora Petronilia, vedova, ha 14 figli, 71 nipoti, 98 bisnipoti e 16 trisnipoti. Tutta la famiglia è devota al Divino Padreterno, e gli attribuisce vari altri miracoli. Uno di questi è stato riferito da Antonia, una delle figlie di Petronilia: i medici avevano detto che suo nipote probabilmente non avrebbe potuto camminare, perché era nato con un grave problema alle gambe.

“Ho promesso che se fosse riuscito a camminare sarei andata a piedi da Goiânia a Trindade. In otto giorni mio nipote ha camminato, e oggi ha 10 anni. Sono tre grazie ricevute nella mia vita, e ora un’altra, la guarigione. E qui in casa anche tutte le mie sorelle hanno fatto a piedi il percorso da Goiânia a Trindade. Oggi dobbiamo solo ringraziare il Divino Padreterno”.

Una delle nipoti della signora Petronilia, Lislena Sousa Freitas, ha parlato della nonna dicendo: “Tutti lì nell’ospedale in cui è stata ricoverata sono rimasti colpiti dalla sua forza e dalla sua ripresa. Pensavamo che non sarebbe più tornata, ma ha ricevuto un’altra possibilità di vivere. Non era un addio, ma una lezione per tutti noi”.

Le testimonianze sono state diffuse dall’Associação Filhos do Pai Eterno (Afipe), fondata a Trindade dal missionario redentorista padre Robson de Oliveira Pereira.

Nel 2020 è stata cancellata la tradizionale festa con pellegrinaggio del Divino Padreterno, che nel 2019 aveva portato al santuario di Trindade almeno 3.200.000 pellegrini e devoti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni