Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Un uomo muore mentre recitava il Rosario con la moglie

Shutterstock-Tiko Aramyan
Condividi

Aveva un tumore al sistema linfatico, e da quando gli è stata diagnosticata la malattia la preghiera ha acquistato forza in famiglia

La storia della morte del padre del giornalista colombiano Julián Vásquez è diventata virale dopo che questi ha rivelato via Twitter com’è morto l’uomo: recitando il Rosario accanto alla moglie.

“Mio papà è morto alle 3.00 di oggi, mentre stava recitando il Rosario con mia mamma. Che bella morte! Che genitori splendidi che ho! Riposa in pace, vecchio mio”
Julián Vásquez (@Julian_VasquezP) 26 maggio 2020

Vásquez ha commentato ad ACI Prensa, agenzia in spagnolo del gruppo ACI, che nove mesi fa al padre era stato diagnosticato un tumore al sistema linfatico.

Il giornalista ha affermato che da quando si è saputo della malattia la preghiera ha acquisito più forza nella sua famiglia, anche se la recita del Rosario era una “tradizione religiosa che abbiamo sempre vissuto con amore in casa nostra”.

“Qualche settimana dopo, quando la situazione ha iniziato a peggiorare, i suoi fratelli (che pregavano sempre per la sua salute) hanno iniziato a svegliarsi tutti i giorni alle 3.00 per recitare il Rosario della Misericordia”, ha commentato.

Vásquez ha dichiarato che pur non essendo molto vicino alla religione crede “fedelmente in Dio e nella Vergine”, e ha sottolineato che il grande amore di Gesù si riflette nella morte di suo padre, che è una prova fedele di questo fatto.

Il 26 maggio, il padre del giornalista è morto mentre “i suoi fratelli pregavano da casa loro e mia madre dall’ospedale”.

“Una morte bella, a mio avviso, perché se nessuno vuole abbandonare una persona cara per sempre, mio padre è morto circondato d’amore, accanto alla donna che lo ha accompagnato per più di 26 anni e collegato ai suoi fratelli che per tanto tempo hanno pregato per la sua guarigione”, ha sottolineato.

“Io che in Cielo sei felice, ci accompagni e sei più vivo nei nostri cuori, dove vivrai per sempre”, ha concluso il giornalista.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni