Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Storie

“Sono medico, e sono esausta ma grata”

LOURDES VILLALOBOS SANCHEZ

Instagram | @lourdesvillalobossanchez

Mariana de Ugarte Blanco - pubblicato il 03/06/20

Riflessioni di una dottoressa dopo mesi di intensa lotta contro la pandemia

Sono stati molti gli operatori sanitari che negli ultimi giorni si sono sentiti esausti dopo mesi di intensissimo lavoro e hanno rivolto un appello alla responsabilità di tutti i cittadini. Non vogliono rivivere lo stressante e scoraggiante inizio della pandemia, in cui il ritmo frenetico degli ospedali li ha messi a dura prova a livello sia fisico che morale.

Lucía Galan, pediatra e autrice del blog “Lucía mi pediatra, ha scritto qualche giorno fa dell’immensa pressione sentita dal personale sanitario, che si è visto costretto a studiare giorno e notte “leggendo a qualsiasi ora del giorno mentre continuava a lavorare, calmando gli animi dentro e fuori casa, cercando di rimanere in piedi a livello fisico ed emotivo perché la famiglia e i colleghi hanno bisogno di noi come di respirare”.

Ce lo ha confermato Lourdes Villalobos, medico reumatologo presso l’ospedale Ramon y Cajal di Madrid (Spagna) e ricollocata in tutto questo periodo nel reparto dei malati di Covid-19. La sua équipe è formata da medici di varie specializzazioni, che sono dovuti tornare sui libri come se fossero studenti di Medicina, ma col peso che rappresenta il fatto di sapere che centinaia di pazienti contano già su di loro. E tuttavia sono stati all’altezza del compito, rispondendo con rapidità ed efficienza.

“Medici uniti per salvare vite, lottando ogni giorno, senza sapere se sia un giorno festivo, lunedì o domenica… è uguale. E lo facciamo per loro, per i pazienti, il centro della nostra vocazione. Sono la nostra preoccupazione e la nostra occupazione. Questa settimana ne abbiamo già dimessi 5. E sono tanti, più di 80! Abbiamo avuto una splendida dimissione, di quelle che rallegrano, la signora E., dopo due settimane…”

Così scriveva Lourdes ad aprile sul suo account Instagramquando la situazione negli ospedali era decisamente critica. Dopo settimane di intenso lavoro, medici, infermieri e ausiliari possono finalmente riposare un po’, e sembrano ora rendersi conto del loro sfinimento fisico e mentale.

Pur sapendo che non si può abbassare la guardia, non sono più in allerta costante. Mantenere la tensione per tanto tempo è difficilissimo.

Lo sa bene Lourdes, madre di tre figli piccoli che ha dovuto comunque curare, lottando per conciliare tutto. “In questo periodo abbiamo fatto anche biscotti, homeschooling, abbiamo giocato… Sono esausta ma anche grata per tutto quello che ho imparato, e mi sento fortunata per il fatto di essere madre, di avere un lavoro, di essere medico e poter aiutare”, ha confessato ad Aleteia.

“La famiglia dei pazienti”

Lourdes parla di vocazione sincera, di giuramento d’Ippocrate applicato nella sua essenza più pura. Questo, unito al senso del servizio, ha fatto sì che gli operatori sanitari abbiano dimostrato di essere veri professionisti durante la pandemia.

LOURDES VILLALOBOS SANCHEZ
Instagram | @lourdesvillalobossanchez

In questo senso, Lourdes sottolinea lo splendido operato di infermieri e ausiliari, che “sono diventati in qualche modo la famiglia dei pazienti, accompagnandoli fino alla fine”. Un ruolo importantissimo per mantenere alto il morale dei malati e dei loro cari.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
coronavirusmedicospagna
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni