Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 16 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconSpiritualità
line break icon

La fede è scoprire la profondità nascosta in ogni istante del presente

Dima Aslanian | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 03/06/20

Questa profondità, questa prospettiva nuova è ciò che noi chiamiamo vita eterna.

In quel tempo, vennero da Gesù alcuni sadducei – i quali dicono che non c’è risurrezione – e lo interrogavano dicendo: «Maestro, Mosè ci ha lasciato scritto che, se muore il fratello di qualcuno e lascia la moglie senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. C’erano sette fratelli: il primo prese moglie, morì e non lasciò discendenza. Allora la prese il secondo e morì senza lasciare discendenza; e il terzo egualmente, e nessuno dei sette lasciò discendenza. Alla fine, dopo tutti, morì anche la donna. Alla risurrezione, quando risorgeranno, di quale di loro sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».

Rispose loro Gesù: «Non è forse per questo che siete in errore, perché non conoscete le Scritture né la potenza di Dio? Quando risorgeranno dai morti, infatti, non prenderanno né moglie né marito, ma saranno come angeli nei cieli. Riguardo al fatto che i morti risorgono, non avete letto nel libro di Mosè, nel racconto del roveto, come Dio gli parlò dicendo: “Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe”? Non è Dio dei morti, ma dei viventi! Voi siete in grave errore». (Mc 12,18-27)

La fede non si occupa della semplice gestione dell’istante. La fede è scoprire la profondità nascosta in ogni istante del presente. Questa profondità, questa prospettiva nuova è ciò che noi chiamiamo la vita eterna. Senza la vita eterna il presente è privato di quello spessore che lo fa mantenere in piedi. E soprattutto la vita eterna non è una vaga aspirazione dell’animo umano, né semplicemente uno stato interiore di libertà, ma un fatto. Questo è il motivo per cui noi cristiani nel credere alla vita eterna crediamo alla resurrezione. Ma le infinite serie televisive attuali non ci aiutano particolarmente a capire in cosa essa consista. Se fosse semplicemente il ritorno alla vita di un corpo morto allora questa cosa assomiglierebbe più a uno zombie che a una beatitudine. La resurrezione rompe in maniera radicale la logica con cui noi normalmente pensiamo la vita. Non è il ripetersi in maniera migliorata di quello che già sappiamo.

Ecco perché l’esempio che portano a Gesù per screditarlo sulla resurrezione non regge: «Maestro, Mosè ci ha lasciato scritto che se muore il fratello di uno e lascia la moglie senza figli, il fratello ne prenda la moglie per dare discendenti al fratello. C’erano sette fratelli: il primo prese moglie e morì senza lasciare discendenza; allora la prese il secondo, ma morì senza lasciare discendenza; e il terzo egualmente, e nessuno dei sette lasciò discendenza. Infine, dopo tutti, morì anche la donna. Nella risurrezione, quando risorgeranno, a chi di loro apparterrà la donna? Poiché in sette l’hanno avuta come moglie». Se qualcuno pensa che la resurrezione sia rimettere in gioco gli schemi di questo mondo e ciò che noi pensiamo della vita, allora c’è da augurarsi che non ci sia nessun dopo e nessuna possibilità di accedervi. Ma la logica della vita eterna è quella di una resurrezione che ci libera non solo dal dolore, dalla morte, dalle cose che finiscono, dal condizionamento dello spazio e del tempo. In questo senso si fa fatica ad immaginare e ci si può solo fidare.
Marco 12,18-27

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Ambrogio Villa: il demonio mi ha fatto vergognare durante un ...
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni