Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

5 siti e app per prenotare il posto in chiesa e monitorare gli accessi

Condividi

Ecco chi offre questi servizi per agevolare gli ingressi nelle chiese a capienza ridotta, a causa delle norme anti-covid

Prenotare il posto in chiesa on line per evitare brutte sorpresa quando ci si reca a messa e i posti sono già esauriti, a causa delle capienze ridotte dovute alle norme anti-covid. Ci sono già diverse possibilità per farlo.

1) iovadoamessa.it

Partiamo con iovadoamessa.it, sito dove si può anticipare la propria presenza alle celebrazioni liturgiche nelle chiese della diocesi di Reggio Emilia-Guastalla.

2) vadoamessa.it

Quasi in contemporanea è partito il sito vadoamessa.it. È nato dall’estro di due fidanzati – Matteo Manzinello, ingegnere informatico, e Ilaria Beretta, giornalista – e dal confronto con un sacerdote amico, don Giacomo Rossi, della comunità pastorale di Lissone, in Brianza. Il portale, per ora, accoglie le prenotazioni on line per la diocesi di Milano.

Come funziona

I sacerdoti responsabili di comunità nell’arcidiocesi di Milano registrano la propria parrocchia compilando un apposito modulo, in cui viene indicata anche la capienza massima della chiesa secondo le norme stabilite dal protocollo Cei-governo. Possono decidere loro il numero di posti che vogliono riservare alla prenotazione online. I parrocchiani vanno poi su vadoamessa.it, cliccano il link della chiesa, scelgono data e ora della celebrazione e segnano il loro posto in totale anonimato. Il sistema rilascia un codice di conferma da consegnare all’ingresso della chiesa, dove i volontari addetti agli accessi li possono confrontare con la lista stampata dal sistema.

WHATSAPP
© Pixabay / LoboStudioHamburg

3) veniamoinchiesa.it

Un’iniziativa simile ma che nasce in Puglia è anche quella di veniamoinchiesa.it. A realizzarlo sono stati sempre due amici, Nicola Quatela, tecnico informatico di Bisceglie, diocesi di Trani, e Daniele Chierico, fisico e metereologo di Altamura.

Come funziona

Anche qui è possibile per un sacerdote registrare la parrocchia, e per i fedeli scegliere chiese e Messe, segnare la propria presenza e aiutare in questo modo la distribuzione omogenea dei partecipanti alle celebrazioni. I dati delle prenotazioni saranno visibili solo al parroco, che sarà aggiornato in tempo reale (avvenire.it, 25 maggio).

4) Parrocchia.App

Nella diocesi di Ales, in Sardegna, l’accesso alle chiese sarà regolato con un app made in Sardegna. Si chiama Parrocchia.App e arriva da San Gavino Monreale.

Come funziona

La parrocchia che decide di utilizzare l’app, deve semplicemente indicare la posizione della chiesa, i posti disponibili e gli orari di apertura. Il fedele, a questo punto, sarà libero di prenotare il posto in chiesa, avendo anche la possibilità di scegliere la funzione religiosa da seguire (lanuovasardegna.it, 25 maggio).

CHILD, SAD, SMARTPHONE
New Africa | Shutterstock

5) DInDonDan?

Anche l’app DinDonDan – che già consente agli utenti di trovare facilmente le chiese cattoliche vicine alla propria posizione e visualizzare gli orari delle messe, insieme a quelli di apertura e delle confessioni – da qualche giorno prevede una nuova utility per disciplinare i flussi di fedeli nelle chiese.

Scaricata già da più di 50.000 persone, DinDonDan viene utilizzata mensilmente da migliaia di utenti e ha un database che copre capillarmente tutto il territorio italiano e include più di 15.000 chiese e strutture religiose.

Come funziona

La nuova app gratuita si chiama ”DinDonDan – Contapersone” ed è strumento di coordinamento per i volontari e i responsabili alla sicurezza presenti agli ingressi e alle uscite delle chiese, in modo da poter gestire attraverso i propri smartphone, in modo semplice e sicuro, i flussi di fedeli.
Sarà possibile infatti contare in modo simultaneo ai vari ingressi e alle uscite le presenze all’interno della chiesa, così da monitorare in ogni momento la capienza nei limiti di sicurezza.

DinDonDan Contapersone rappresenta uno strumento utile per i responsabili alla sicurezza e permetterà anche, nelle prossime settimane, di fornire i dati di affluenza. Obiettivo finale quello di distribuire in modo omogeneo i flussi ed evitare sovraffollamenti negli orari di punta. Per servirsene, le parrocchie interessate dovranno registrarsi. Basterà poi condividere il link con i volontari agli ingressi, e iniziare a gestire questa fase in tutta sicurezza.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni