Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconFor Her
line break icon

Tolta la maschera, si svela il suolo sacro che è il cuore di ciascuno

mimagephotography | Shutterstock

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 22/05/20

Arriva il giorno in cui genitori ed educatori non riconoscono più i loro ragazzi; è il momento in cui il muro delle apparenze va abbattuto perché è proprio la loro apparente distanza a implorare un rapporto con gli adulti.

Di Stefano Motta (viceparroco di San Juan Bautista, a Fuenlabrada, Madrid)

Da quasi cinque anni vivo in Spagna, a Fuenlabrada, pochi chilometri a sud di Madrid, e svolgo la mia missione dedicando molto tempo ai ragazzi, sia in parrocchia che in una scuola.

Non è un segreto che ai tempi nostri, almeno in Europa, stiamo attraversando una crisi educativa. In questo orizzonte, spesso i genitori, i professori, gli educatori si lamentano perché non capiscono i ragazzi o perché arriva un momento in cui non riescono più a riconoscerli, sorpresi dalla scoperta che in loro c’è un mondo intero barricato dietro una facciata costruita per coprirlo.
Non è facile capire i ragazzi nei momenti in cui si nascondono. Occultano ciò che è loro veramente caro, hanno paura di confrontarsi con gli adulti o con chi non è del loro giro. In realtà, spesso, neanche con i loro amici o coetanei sono del tutto liberi, magari per il timore di essere giudicati o di non rispettare certi standard.


TEEN, BOY, GIRL

Leggi anche:
Davide Rondoni: di anima non si parla più a scuola e i giovani sono orfani dell’amore

Paure, timori, insicurezze, di queste cose ce n’è in abbondanza! Ma ogni tanto il muro si rompe, ed è splendido vedere cosa c’è dietro.

È successo poco tempo fa con una ragazza liceale della scuola in cui lavoro. Fino all’anno scorso era mia alunna: in classe, mi creava un sacco di problemi. Era svogliata, aggressiva nei toni, polemica in ogni occasione possibile.

Poco tempo fa, dopo un pomeriggio di studio a scuola, mi chiede se posso dedicarle un po’ di tempo per parlare. Inizia a raccontarmi della sua famiglia, della situazione molto difficile in cui lei e i suoi numerosi fratelli si trovano a causa dellabbandono del padre.

“Mi ricordo come fosse cinque minuti fa – mi dice piangendo – di quando mio padre mi ha detto che non mi avrebbe mai lasciata da sola. Due mesi dopo è sparito. Capisci perché per me non è facile fidarmi degli adulti?”.
ben-raynal-cc

Addolorato dal racconto, le dico che pregherò per lei e per la sua famiglia, e le chiedo perché proprio quel pomeriggio ha voluto raccontarmi queste cose.

Mi dice: “Perché, nonostante tutto, ho bisogno di riferimenti per diventare grande. Per me è molto difficile ammetterlo, però è la verità e la dico a te”.

Qualcosa di analogo è accaduto anche con una ragazza della parrocchia che riceverà il battesimo la notte della vigilia pasquale. Le ho parlato dopo un periodo in cui non eravamo riusciti a vederci, e lei mi ha detto:

“In questo tempo, nonostante il cammino di preparazione al battesimo, non mi sono ricordata quasi mai di Dio. Tra lo studio, la casa, gli amici, non gli ho fatto spazio e ho vissuto queste ultime settimane come se non ci fosse, come vivono tutti gli altri. Però, adesso che abbiamo rimesso Dio al centro, riscopro che la Chiesa è la casa in cui trovo la vera pace”.

La invito a pregare un momento davanti al Santissimo. Ci mettiamo in ginocchio, in silenzio. Dopo alcuni minuti si alza, sussurra un “grazie”, e va a casa.

Quando la corazza delle immagini si rompe ed emerge la verità che c’è nei cuori, ci si trova su un suolo sacro. Splendido e vertiginoso. Dobbiamo amare questa verità, dobbiamo educare noi stessi e gli altri ad amarla.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
adolescentifedemissione
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni