Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Gennaio |
San José Vaz
home iconChiesa
line break icon

Il Papa: non solo droga, ma tanta umanità nelle baraccopoli. E cita De Andrè

Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported

Una villa miseria di Buenos Aires.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/05/20

Papa Francesco commenta il diario della quarantena vissuta nelle "villas miseria" argentine (che lui conosce molto bene), raccontato dallo scrittore Alver Metalli nel suo ultimo libro

«Ci farà bene leggere questo diario, che racconta giorno dopo giorno la “Cuarentena” vissuta in una delle villas miseria, le baraccopoli dove opera un gruppo di sacerdoti a cui voglio tanto bene. Sono mossi da una fede genuina in Gesù Cristo e da un grande amore per questa povera gente che vive in casupole e baracche ai margini della società…».

Lo dice Papa Francesco, nella prefazione “Quarantena – Cuarentena – Diario dalla “peste” in una bidonville argentina” di Alver Metalli (edizioni San Paolo). Metalli è un giornalista e scrittore che per molti anni ha documentato la vita nei luoghi più degradati delle bidonville argentine.

La cucina popolare

«Il Diario non racconta solo le storie drammatiche di tante donne e uomini della villa, fra droga, violenza e miseria – evidenzia Francesco – Ci fa vedere anche l’umanità bella di tanta gente che, attorno alla parrocchia, si prodiga tutti i giorni per aiutare chi è più bisognoso di aiuto…».

«La cucina popolare – racconta il libro – non è l’unica opera di carità che praticano nelle villas. C’è un ricovero per gli alcolizzati e un Hogar de Cristo per chi è caduto nelle grinfie della droga. Poi ci sono i “vecchietti”, che si cerca di proteggere da un virus crudele che, ovunque nel mondo, ha fatto strage proprio delle persone più anziane e fragili…».

Proprio al sostentamento di questa casa per gli anziani l’autore dell’ebook ha deciso di destinare gli introiti della pubblicazione.

PAPE FRANCIS METRO
© SERGIO RUBIN / CLARIN / AFP

Sur cette photo qui n’est pas datée du journaliste Sergio Rubin, le cardinal Jorge Mario Bergoglio voyage dans le métro de Buenos Aires (Argentine).

I blitz di Bergoglio nelle villas miseria

Papa Francesco conosce molto bene la realtà delle villas miseria. Quando era arcivescovo di Buenos Aires, Bergoglio visitava spesso quei luoghi di enorme degrado, ci arrivava a piedi, aiutava i sacerdoti, condivideva la vita della gente sofferente e partecipava con loro a processioni e devozioni religiose.

Era anche frequente, dicono, vederlo arrivare senza previo avviso a una mensa popolare o a qualche festa per la Madonna in certe villas miseria. Per la sua convivenza con quei sacerdoti e l’appoggio che dava loro, si era arrivati a pensare che Bergoglio avesse una particolare simpatia per i “sacerdoti terzomondisti”, molto attivi negli anni settanta e identificati più volte con il peronismo o la guerriglia.

Alcuni di loro avevano cercato la loro base ideologica in un tipo di teologia che si appellava a categorie marxiste per l’analisi della società, arrivando a difendere la lotta di classe. Idee, queste, che Bergoglio non accettava assolutamente (Aleteia, 24 gennaio 2019).

“Il sole del buon Dio non dà i suoi raggi”

Tornando alla prefazione del libro di Metalli, Papa Francesco cita «i versi di un cantautore italiano, Fabrizio de André», che «raccontano di quartieri malfamati dove “il sole del buon Dio non dà i suoi raggi” perché troppo impegnato a “scaldar la gente di altri paraggi”. Ecco, questo libro ci fa invece vedere come – attraverso il dono della testimonianza – non ci sia zona, per quanto oscura, dove un raggio del buon Dio non arrivi a riscaldare qualche cuore e illuminare esistenze altrimenti invisibili».




Leggi anche:
I blitz improvvisi di Bergoglio nelle “villas miseria” di Buenos Aires




Leggi anche:
Quando Jorge Bergoglio scese in campo per aiutare i “cartoneros” argentini




Leggi anche:
Una bambina schiava nelle Villas Miseria ha ispirato il papa contro la tratta




Leggi anche:
Viaggio alle Malvinas

Tags:
argentinabaraccopolipapa francescopovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni