Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 16 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconStorie
line break icon

Sri Lanka: condividono il banchetto di nozze con i “nuovi poveri” del coronavirus

SRI LANKA

PhotoSunny | Shutterstock

Jaimie Seaton - pubblicato il 21/05/20

Anziché deliziare i propri invitati, una coppia ha deciso che la cosa migliore, vista la pandemia, era condividere il cibo con i più poveri

Il 27 aprile 2020, Darshana Kumara Wijenarayana e la sua fidanzata Pawani Rasanga, una coppia del villaggio di Malimbada, a circa 160 chilometri a sud di Colombo, la capitale dello Sri Lanka, ha deciso di dare una svolta alla tradizionale festa di nozze cingalese.

Tutto era ormai pronto, ma nessun poteva immaginare che gli sposi avrebbero condiviso – non per necessità, ma per amicizia – il banchetto nuziale con i loro vicini più bisognosi, famiglie colpite dalla crisi economica derivata dal coronavirus.

Con una popolazione di circa 21,6 milioni di abitanti, lo Sri Lanka, ufficialmente Repubblica Socialista Democratica dello Sri Lanka, isola situata nell’Oceano Indiano, ha gestito con polso di ferro il coronavirus, che ha provocato finora meno di mille contagi e nove decessi.

Nell’isola a gennaio e febbraio non ci si preoccupava molto per il virus. L’11 marzo, quando si è ammalata una guida turistica, è iniziato l’allarme.

Le autorità del Paese hanno subito chiuso scuole e negozi, e hanno stabilito una quarantena che ha fatto sì che molte persone rimanessero senza fonti di sostentamento, oltre a eseguire un numero di prove sugli abitanti che ha rappresentato un modello nella regione: 930 prove per milione di cittadini.

Un matrimonio diverso

Quando si avvicinava il matrimonio che progettavano da tanti mesi, Darshana e Pawani hanno maturato un’altra idea. Darshana ha detto all’agenzia informativa The Associated Press (AP) per telefono dalla sua casa di Malimbada che avevano già sistemato tutto: “vestiti, anelli e dolci erano stati ordinati. La sala per il ricevimento era stata prenotata”.

Avevano progettato di invitare 250 persone. La celebrazione sarebbe stata in grande, ma familiari e amici hanno proposto una modifica: anziché deliziare i loro invitati, la cosa migliore, viste le circostanze della pandemia, era condividere il cibo con i più poveri. E la coppia ha accettato.

Man mano che la data si avvicinava, le misure restrittive venivano allentate di giorno, e quindi i fidanzati eranno liberi di organizzare il matrimonio come avevano progettato, rispettando il distanziamento sociale.

Dashana, proprietario di un piccolo negozio, e Pawani, assistente di laboratorio in una scuola statale, hanno deciso di condividere il giorno delle loro nozze con alcuni dei loro vicini più bisognosi.

Non ci sono parole per descrivere la gioia

“Dopo aver celebrato il matrimonio con alcuni familiari e amici stretti, la coppia ha tagliato la torta e ne ha mangiato un pezzo prima di mettersi al lavoro”. Il matrimonio si celebrava in una cittadina a maggioranza buddista (70,1% della popolazione, seguita da quella induista, il 12,6%, e da quella cattolica con il 6,2%).

“Lo sposo indossava un abito blu scuro a tre pezzi allo stile occidentale con una cravatta avorio e un fiore all’occhiello, la sposa un sari bianco e un copricapo con gioielli e fiori rosa e porpora”, ha riferito il corrispondente di AP in Sri Lanka.

Con mascherine e gel, si sono messi a distribuire pacchi alimentari alle famiglie povere di Malimbada. La sposa ha anche distribuito nastri colorati per i capelli e giochi insieme alla torta nuziale. Com’è naturale, la gente ha assistito grata al gesto, e la coppia ha ricevuto molte benedizioni.

“Abbiamo tratto una grande soddisfazione da tutto questo”, ha detto Darshana. “Quando vedi la felicità sul volto di queste persone, soprattutto dei bambini… non ho parole per spiegare quello che si prova”.




Leggi anche:
Quando il banchetto del matrimonio diventa una festa di solidarietà


SPOSI, TORTA, NOZZE

Leggi anche:
Pavia, due fidanzati offrono il pranzo di nozze a 82 senzatetto

Tags:
coronavirusmatrimoniopoverisri lanka

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Ambrogio Villa: il demonio mi ha fatto vergognare durante un ...
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni