Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Così il piccolo Karol Wojtyla ha incontrato la Madonna e ne rimase abbagliato

RODZICE KAROLA WOJTYŁY
EAST NEWS
Karol, tra i genitori Karol senior e Emilia
Condividi

La Vergine ha compensato l’assenza prematura della madre Emilia, morta quando il futuro Giovanni Paolo II era ancora bambino

«C’è una foto che ritrae Karol Wojtyla nel giorno della sua prima comunione. Sul volto è visibile un’ombra di tristezza. Accanto a lui non c’è più la mamma. È deceduta qualche settimana prima. La lunga, insidiosa malattia e la morte hanno spento il brillare dei suoi occhi. Ma  negli occhi di Karol c’è un fuoco».

Slawomir Oder, postulatore della causa di canonizzazione di Papa Giovanni Paolo II, racconta a L’Osservatore Romano (18 maggio) l’incontro tra il piccolo Karol e la Madonna, che ebbe luogo dopo la morte prematura di mamma Emilia.

«Nei suoi occhi – scrive Oder – è rimasto impresso lo sguardo della mamma. Gli occhi  del piccolo Karol, ancora luccicanti di lacrime, hanno ritrovato la consolazione, la sapienza, la sicurezza e l’amore negli occhi di Colei davanti alla cui immagine l’accompagnò il padre».

Il primo maestro del piccolo Karol

Molto spesso, sottolinea il postulatore, «la dimensione mariana della sua spiritualità è stata  associata alle drammatiche vicende che privarono il giovane Karol, in tenerissima età, dell’affetto materno. La sua spiritualità venne,  tuttavia, formata in un clima profondamente virile».

Infatti, il suo primo maestro nella fede fu il padre, Karol Józef Wojtyla, un  militare di profonda e provata fede. «Come ha ricordato lo stesso san Giovanni Paolo II, la prima scuola della sua formazione spirituale e religiosa fu la sua famiglia».

© DR
Wojtyla da giovane

La devozione mariana

Dopo la morte della madre, Emilia, avvenuta nell’aprile 1929, il rapporto tra Karol e suo padre si approfondì ulteriormente. «La figura paterna – evidenzia Oder – divenne fondamentale per la crescita umana e spirituale del giovane. L’umiltà, la  laboriosità, l’onestà e la pietà del genitore incisero profondamente sulla personalità del figlio. Fu il padre ad inculcare a  Karol la devozione allo Spirito Santo, alla quale, insieme a quella della Madonna, rimase sempre fedele».

“Una costante stella di riferimento”

Fu il padre, infatti, «ad avviare il cuore del figlio all’amore della tradizionale pietà  mariana. Nell’intimo incontro col Signore, fu sempre la figura di Maria Santissima a occupare un posto privilegiato. La Beata Vergine è stata presente nelle vicende del giovane Karol come una costante stella di  riferimento. Questo rapporto ha decisamente inciso sulle sue scelte, sul  suo stesso modo di essere e di porsi nei confronti di persone ed eventi».

“Apostolo della fede”

Conclude il postulatore della causa di canonizzazione di San Giovanni Paolo II: «Alla scuola della pietà popolare assorbita in famiglia, in un vivo dialogo  con Dio, guidato dall’affetto per Maria, desideroso di crescere con Lei nella fede e plasmando la propria vita sul suo esempio, il futuro Pontefice, come Giovanni evangelista, volle prendere Maria nella sua  casa (cfr. Giovanni19,  27)».

«Questo vivere con Maria – chiosa Oder – contribuì in maniera fondamentale alla crescita umana e spirituale di Karol, alla formazione della sua sensibilità e, col tempo, lo rese un autentico “apostolo della fede”, pescatore di uomini e guida di anime per il nostro tempo, oltre le soglie del terzo millennio».

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni