Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Sono tua madre, eppure alla tua nascita non c’ero!

MOTHER AND HER LITTLE SON,
Everyonephoto Studio | Shutterstock
Condividi

Non c’ero. Ma sono tua madre e ora ci sono. Quando piangi, ridi, corri, urli, quando mi sorridi! Non solo ci sono, ma mi accorgo che… in qualche modo ci sono sempre stata. Così parla il cuore pieno d’amore di una mamma (anche) adottiva.

Sono tua madre.
Sono tua madre, eppure…
Quando il test di gravidanza è risultato positivo, io non c’ero.
Durante la tua gravidanza, io non c’ero.
Alla tua nascita, io non c’ero.
Al tuo allattamento, io non c’ero.
Sono tua madre, ma neanche all’inizio del tuo svezzamento, ai tuoi primi passi, ai tuoi primi controlli medici c’ero.
No, non c’ero.
Ma sono tua madre.
E ora ci sono.
Quando piangi, ci sono.
Quando ridi, ci sono.
Quando corri, mangi, dormi, urli, ci sono.
Quando devi essere interpretato, io ci sono.
Quando dicono che mi somigli, quando mi chiami, quando mi dai le tue capocciate-baci, quando mi sorridi ecco, allora lì non solo ci sono, ma mi accorgo che… in qualche modo io ci sono sempre stata.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA SEMPLICEMENTE UNA MAMMA

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni