Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Gennaio |
San José Vaz
home iconChiesa
line break icon

Posti nominativi, segnaletica orizzontale, mascherine: messe pubbliche e misure sanitarie

THERMOMETER

ALFREDO ESTRELLA | AFP

Timothée Dhellemmes - pubblicato il 20/05/20

In alcuni Paesi d'Europa, come la Polonia, la Germania e da pochi giorni anche l'Italia, le celebrazioni eucaristiche cum populo sono di nuovo autorizzate: il loro svolgimento è normato da protocolli sanitari sanciti d'intesa fra i vescovi e i rispettivi governi. Dall'Esagono si guarda con attenzione alle soluzioni così concordate.

«Percepisco il malumore dei credenti»: sono state queste le parole del premier Édouard Philippe davanti al Senato lunedì 4 maggio. In quel giorni si era detto “pronto a studiare” un piano di ripresa delle messe pubbliche in Francia fin dal prossimo 29 maggio, in luogo del 2 giugno di cui si era parlato la scorsa settimana. Bisogna dire che dopo questo annuncio la Chiesa cattolica in Francia non ha mancato di esercitare le sue pressioni per permettere ai fedeli di tornare a messa. Nelle sue “proposizioni” trasmesse al gabinetto del Primo Ministro, l’episcopato francese parla in particolare di obbligo dell’uso della mascherina, della comunione sulla mano o della definizione di un tasso di riempimento delle chiese.

In Europa le parrocchie si organizzano

Altrove in Europa i luoghi di culto cominciano a riaprire. L’ultimo paese ad aver allentato le maglie delle restrizioni per le liturgie è stato l’Italia, mentre in Grecia dal 4 maggio si è potuto tornare nelle chiese, sebbene unicamente per la preghiera individuale. In Germania e in Polonia, le messe pubbliche sono di nuovo autorizzate e dànno luogo a scenari che non ci si sarebbe mai immaginati fino a tre mesi fa. Nella cattedrale di Colonia, ad esempio, il cardinale arcivescovo Rainer Maria Woelki ha dato la comunione da dietro uno schermo in plexiglas a partire dal 3 maggio. Due persone per banco, non di più, i fedeli avanzano per la comunione rispettando una segnaletica orizzontale ben precisa. In alcune chiese è obbligatorio l’uso di mascherina e in altre si trovano anche i posti nominativi. Vi proponiamo il tutto in una galleria.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
coronavirusliturgialockdownquarantena
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni