Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconChiesa
line break icon

Le preghiere di Giovanni Paolo II nella cappella privata

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/05/20

L'unica cosa di cui sento la necessità è di andare subito in cappella per pregare e fare il punto della situazione di questa giornata con Dio Padre onnipotente e misericordioso

Il volto più riservato e inedito di Giovanni Paolo II. A raccontarlo è chi è vissuto gomito a gomito con lui. Come Angelo Gugel, Aiutante di camera di Sua Santità, che a L’Osservatore Romano (18 maggio), lo ricorda come «un uomo di preghiera» poichè la vita del Santo Padre «è stata una continua preghiera».

L’Aiutante: “Quante grazie per sua intercessione”

Gugel riporta un aneddoto molto riservato: «Egli sostava in ginocchio davanti al Tabernacolo, nella cappella privata, più volte durante il giorno, pregando anche per le intenzioni che pervenivano in segreteria particolare e che gli facevano trovare sull’inginocchiatoio. Chissà quante grazie sono state possibili tramite la sua intercessione. E’ stato un uomo di grande fede, che affidava al Signore ogni preoccupazione riguardante il suo ministero di Pastore della Chiesa universale, certo dell’aiuto che il Signore non gli avrebbe fatto mancare».

“La preghiera per lui era un appuntamento di lavoro”

Jozef Kowalczyk, all’epoca Nunzio apostolico per la Polonia, riporta la mente al 1979, a Varsavia, nel primo giorno dello «storico e allora persino inimmaginabile» viaggio di Giovanni Paolo II in Polonia.

«In quel momento, devo dire, la struttura che avevamo a disposizione era veramente….francescana. Lo accompagnai nella sua stanza dopo una giornata sicuramente faticosa anche per un uomo forte come lui, scusandomi che non ci fosse da offrigli, se nn quella stanza particolarmente modesta. “Non ti preoccupare – mi rispose – ti chiedo solo la cortesia di un bicchiere d’acqua”. Ricordo come fosse ora che si sedette sul letto per bere. “Ha bisogno di qualcosa”, gli domandai. “L’unica cosa di cui sento la necessità è di andare subito in cappella per pregare e fare il punto della situazione di questa giornata con Dio Padre onnipotente e misericordioso, Signore della storia e della Chiesa“. La preghiera per lui era anche un appuntamento di lavoro: per fare il bilancio della giornata appena trascorsa e programmare la giornata successiva».

Il fotografo: era a “tu per tu” con il Signore

Arturo Mari, fotografo personale di Papa Giovanni Paolo II, dice di essere rimasto «sempre impressionato l’atteggiamento con cui Giovanni Paolo II celebrava la Messa nella sua cappella privata o davanti a milioni di persone. Non sono certamente solo io a testimoniare che lui era, come dire, “a tu per tu” con il Signore, al di là del contesto in cui avveniva la celebrazione».

“Ha aperto le porte della sua cappella privata ai fedeli”

L’arcivescovo Piero Marini, cerimoniere pontificio quando fu eletto il Papa polacco, si è conosciuto nel 1973 con Wojtyla, in occasione della festa di San Stanislao a Cracovia.

«Giovanni Paolo II – afferma Marini – ha aperto ogni giorno le porte dellasua cappella privata ai fedeli perché potessero partecipare alla celebrazione eucaristica da lui presieduta».


JAN PAWEŁ II

Leggi anche:
San Giovanni Paolo II: il canto degli angeli può diventare una preghiera da ripetere spesso




Leggi anche:
Il bacio di Giovanni Paolo II al bambino malato di Aids allontanato da tutti


WOJTYLA

Leggi anche:
L’indicazione di Papa Francesco: la Chiesa si converta nel segno di Giovanni Paolo II


WOJTYLA FAMILY

Leggi anche:
La mamma di Wojtyla doveva abortire: la nascita di Karol è stata un “miracolo”

Tags:
san giovanni paolo ii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni