Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Venceslao
home iconFor Her
line break icon

La poesia del giovane Karol come un «silenzioso presagio». Magnificat!

POPE JOHN PAUL II

Hernan Valencias | CC BY 2.0

Teologia del corpo and more - pubblicato il 19/05/20

Aveva solo diciannove anni, era uno studente universitario e l'Europa era a ridosso della Seconda Guerra mondiale.

Ricorrono oggi (ieri, 18 maggio per chi legge. Ndr) i 100 anni della nascita di un uomo straordinario: Karol Wojtyła, a cui Dio, come fu per Pietro, ha posto un nome nuovo: Giovanni Paolo II. Un uomo come noi, che ci ha insegnato che è possibile essere straordinari semplicemente accogliendo la paternità di Dio e la maternità di Maria.

Oggi vogliamo ricordare la sua nascita con alcuni versi di una sua poesia giovanile che celebra la vita, scritta tra la primavera e l’estate del 1939.

Il titolo è Magnificat, Karol la scrisse a diciannove anni, da giovane universitario, quando agli occhi del mondo “non era ancora nessuno”, ma agli occhi di Dio Padre era già un capolavoro.

In questi versi, il giovane Karol, come la Madre di Dio, prova a cantare il suo Magnificatquasi stesse anche lui, come Maria, contemplando germogliare in sé l’opera di Dio.

Stupiscono queste sue parole appassionate di vita pensando al mistero della sofferenza che, nonostante la giovane età, lo ha già toccato più volte nel profondo, privandolo prima della madre (a soli nove anni) e poi del fratello maggiore.

Nella poesia risuona questo profondo amore per la vita, tanta gratitudine e fiducia in Dio ed appare fortissimo il contrasto con tutto ciò che da lì a poco si abbatterà su di lui con la seconda guerra mondiale e la perdita del padre nel ‘41. Eppure, oggi,  alla luce di tutta la sua vita straordinaria, in queste parole possiamo intravedere come una visione, un presentimento di elezione, egli lo definisce un «silenzioso presagio».


family praying

Leggi anche:
La preghiera di Giovanni Paolo II a Maria, Madre della “Chiesa domestica”

Non può non sorprendere, ad esempio, il passaggio «Esalta anima mia, Colui che ha gettato sulle mie spalle il velluto ed il raso sovrano», pensando al fatto che quaranta anni dopo, neoeletto papa, Wojtyła si affaccerà dalla loggia di San Pietro indossando la tipica mantellina del papa (la mozzetta) di raso rosso, colore che testimonia il sangue di Cristo Re versato per l’umanità.

Lasciamoci allora toccare dalla melodia e dal contenuto profondo di queste parole e in questo speciale anniversario chiediamo con tutto il cuore la sua intercessione per un cuore da mistici come il suo.

– – –

Esalta, anima mia, la gloria del Signore,Padre d’immensa Poesia – così buonoEgli ha cinto la mia giovinezza di un ritmo stupendo,ha forgiato il mio canto sopra un’incudine di quercia.In te risuoni, anima mia, la gloria del tuo SignoreArtefice dell’angelica sapienza – Artefice clemente.Ecco, riempio fino all’orlo il calice col succo della viteNel Tuo convito celeste – io, il Tuo servo orante –grato, perché misteriosamente rendesti angelicala mia giovinezza,perché da un tronco di tiglio scolpisti una forma robusta.Tu sei il più stupendo, onnipotente Intagliatore di santi– la mia strada è fitta di betulle, fitta di querce –Ecco, io sono la terra dei campi, sono un maggese assolato,ecco, io sono un giovane crinale roccioso dei Tatra.Benedico la Tua semina a levante e a ponente –Signore, semina generosamente la Tua terrache diventi un campo di segale, un folto di abetila mia giovinezza sospinta dalla nostalgia, dalla vita. La mia felicità – grande mistero – Ti esaltiperché hai dilatato il mio petto in un canto primordiale,perché hai permesso al mio volto di tuffarsi nell’azzurro,perché hai fatto piovere nelle mie corde la melodiae in questa melodia Ti sei svelato in visione –attraverso il Cristo. […] Esalta anima mia, il Signore, per un silenzioso presagio,per la primavera echeggiante di gotica nostalgia,per l’ardente giovinezza – il calice inebriante di vinoper l’autunno che ha sembianza di stoppie tristi e di erica.EsaltarLo per la poesia – per la gioia e il dolore!– Gioia di dominare la terra, il cielo e l’oro,perché nelle tue parole s’incarna la delizia e l’ardore delle generazioni, perché Tu cogli questa maturità  che Ti si stende davanti.Dolore – la tristezza serale dell’indicibilequando la Bellezza ci avvolge in un’onda d’estasi. […] E mi sento un angelo caduto –una statua sul pietrame – sul piedistallo di marmo:ma tu alitasti nostalgia nella statua e nello slancio delle braccia, così si solleva ed anela – uno di questi angeli io sono.E ancora Ti esalto perché Tu sei l’approdo,la ricompensa di ogni canto – il giorno del sacro pensiero –e la gioia echeggiante dell’inno materno,il silenzioso compimento della parola – Sei il culmine, Eli!Sii lodato, Padre, per la tristezza dell’angelo,per la lotta tra il canto e la menzogna, il combattimento ispiratodell’anima –Tu annulla in noi l’amore per la parolaE spezza la forma che, come un uomo vano, si gonfia.Cammino sui tuoi sentieri – io un trovatore slavo – […] Sii benedetto o canto tra tutti i canti!Sii benedetta, semente della mia anima e della luce!Esalta anima mia, Colui che ha gettato sulle mie spalleil velluto ed il raso sovrano.Benedetto è l’intagliatore di santi, Slavo e profeta Abbi pietà – io canto come un pubblicano ispirato –Esalta, anima mia, con il canto e l’umiltàIl Tuo Signore, con l’inno: Santo, Santo, Santo!Il canto, ecco, si unifica : Poesia – Poesia!– il grano anela come l’anima mia che soffre insaziabile –– che i miei sentieri si stendano all’ombra di querce e di betulle,che la mia giovane messe sia gradita al Signore.Libro slavo di nostalgie! Echeggia sui confinicome squilli degli ottoni nei cori di risurrezione,con vergine canto sacro, con una poesia reverentee con l’inno dell’Uomo – Magnificat di Dio. L’anima nostra magnifica il Signore per il dono della tua vita caro Karol .

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG TEOLOGIA DEL CORPO AND MORE

Tags:
devozione marianasan giovanni paolo ii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE FRANCIS
Gelsomino Del Guercio
10 tra le frasi e i gesti più discussi di Papa Francesco
2
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni