Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 03 Ottobre |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

“Ho sentito che Dio mi dava la mano”: la gioia di un ragazzo guarito dal Covid-19

BOLIVIA

Fair use

Pablo Cesio - pubblicato il 19/05/20

Le parole di un giovane in Bolivia che ha vinto il coronavirus riempiono di speranza in un'epoca in cui abbondano le cattive notizie

Aldo Suárez Bruening non sa bene come ha contratto il nuovo coronavirus. Pur essendo stato ricoverato per vari giorni in condizioni gravi, ora ha superato la linea della speranza, quella che fa riferimento a quanti hanno vinto la pandemia.

Il giovane Aldo, di 36 anni, ha commosso negli ultimi giorni la Bolivia non solo per essere uscito vittorioso dall’ospedale, ma anche per aver offerto una testimonianza veramente sorprendente attraverso i media.

“Ho afferrato il rosario che mi aveva mandato mia madre, e ho pregato con tanta fede da sentire che Dio mi dava la mano. Stavo molto male”, ha riferito a El Deber questo giovane della località di Trinidad.

In effetti dietro questo caso di ripresa c’è anche un “tocco speciale”: il fatto di aggrapparsi alla fede nel momento più oscuro.

“Ho pregato tanto che Dio mi ha ascoltato, e dopo tre giorni ho sentito che miglioravo. Ovviamente hanno aiutato anche i farmaci che mi davano al Centro Centinela, e per questo sono anche grato ai medici e alle infermiere che mi hanno assistito”, ha aggiunto.

C’è poi la necessità di raccontare la sua esperienza agli altri: “Ora sento il bisogno di raccontare quello che ho vissuto e la fede che ho avuto. Non andavo molto in chiesa. Vengo da una famiglia cattolica e i miei genitori mi hanno insegnato a stare vicino a Dio, ma non andavo regolarmente a Messa”.

Aldo Suárez è stato dimesso e ha potuto reincontrare i suoi familiari. Ha recuperato il sorriso, ma ha anche scoperto qualcosa che forse era sepolto nel più profondo del suo essere: sapere che Dio è sempre disposto a darci una mano.

Il Covid-19 in Bolivia

Aldo fa parte del gruppo degli oltre 400 guariti in Bolivia, ma la malattia continua a diffondersi, e gli ultimi resoconti ufficiali parlano di più di 4.000 casi confermati e oltre 160 morti, con Santa Cruz la località più colpita.

Un’altra notizia ha scosso l’opinione pubblica negli ultimi giorni: la conferma della diffusione del coronavirus a Palmasola, il carcere più grande del Paese, visitato da Papa Francesco nel 2015 e dove nella sezione riservata alle donne a varie madri è permesso di vivere con i figli.

Tags:
boliviacoronavirusgiovaniguarigione
Top 10
See More