Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
San Pantaleone
home iconSpiritualità
line break icon

Miracoli e reliquie: i misteri che nasconde l’abbazia di Mont Saint Micheal

don Marcello Stanzione - pubblicato il 16/05/20

L'abbazia francese dedicata a San Michele arcangelo è uno scrigno di tesori poco noti e un luogo di grande misticismo. Qui l'arcangelo si sarebbe manifesto con una luce molto intensa

L’abbazia francese di San Michele è pure chiamata l’abba- zia delle trecento reliquie. immaginate la navata e le cappelle della chiesa abbaziale animate da sacro fervore, centinaia di fedeli che avanzano in ginocchio fino al transetto e al coro. l’emozione è estrema poiché i pellegrini sfiorano nel loro procedere degli oggetti dal potere sacro misterioso: le reliquie.

Solo Roma, Bisanzio e Gerusalemme possono rivaleggiare con Mont-Saint-Michel, esporre tanti ricordi di Cristo, della vergine e dei santi. trecento ricordi sacri, oggetti di venerazione che si ritenevano in grado di cancellare i peccati, guarire le malattie, operare dei miracoli.

Le due armi dell’arcangelo

I reliquiari più preziosi, che attiravano a migliaia i pellegrini dell’intera europa, erano consacrati a Sant’Oberto e soprattutto all’arcangelo Michele. Fin dal 709, quando gli emissari del vescovo Oberto erano ritornati dal Monte Gargano con una piccola lastra del marmo sul quale Michele aveva poggiato il piede, e un pezzo della cappa rossa lasciata dall’arcangelo stesso. Nel Medioevo, la lastra di marmo era racchiusa in una cassetta d’argento dorato, il velo del paradiso tenuto da un angioletto pure d’argento dorato.

Si veneravano anche le due armi dell’arcangelo, la spada e lo scudo di cui si era servito per uccidere un dragone mostruoso che affliggeva l’Irlanda.

Il monte dei miracoli

Il Monte San Michele è un luogo privilegiato di miracoli. Fin dal 708, sotto la guida dell’arcangelo, il vescovo Oberto fa sgorgare dalla punta della sua croce una sorgente d’acqua viva, indispensabile per la sopravvivenza dei canonici sull’isolotto. la sorgente ha il potere di guarire le febbri.

Nel passaggio degli emissari ritornati dall’Italia con le reliquie della cappa e del marmo, una cieca di Astériac recupera la vista. ella grida: «Quanto è bello vedere!» e il villaggio d’Astériac prenderà da allora il nome di beauvoir.

SAN MICHELE
Mentnafunangann I CC BY-SA 4.0

La “chiarezza di San Michele”

Molto presto, i pellegrini si portano in ricordo le pietre della roccia come reliquie. Per dissuaderli, i monaci narrano ai visitatori la storia dell’italiano che rientra a casa sua con una pietra del Monte. egli diventa infermo. Due anni più tardi, fa voto di restituire la pietra se recupera la salute. Si ritrova subito in piedi e può realizzare il suo voto.

Pare che, malgrado i divieti, l’incubazione sia stata per molto tempo praticata sul Monte. I malati passavano una o più notti chiusi nella chiesa, distesi per terra. Occorreva del coraggio o tanta disperazione, poiché spesso verso mezzanotte il santuario s’illuminava di un chiarore intenso, la «chiarezza di San Michele», e vibrava di canti angelici. Era l’arcangelo che visitava il suo santuario.

Il canto degli angeli

Nel 1050 e nel 1263, i religiosi sentono i serafini intonare il Kyrie Eleison mentre figure di fuoco girano intorno all’altare. il venerdì 3 novembre 1452, verso le 9 di sera – il tempo era sereno – scoppia un fulmine, si abbatte una forte grandinata e una fiamma ardente si srotola in scintille intorno alla campana. l’insieme del monastero si ritrova illuminato. Il fenomeno si completa una mezz’ora più tardi con un colpo di fulmine più forte di tutti gli altri.

Il giovane che diventa cieco

Una sera, un giovane un po’ curioso entra in chiesa e si nasconde in un angolo per scorgere la famosa chiarezza. A mezzanotte, egli ha alcune visioni d’un tale fulgore da tramortirlo. Si trascina con grande pena fino alla porta. inebetito, rimane tre giorni a piangere, poi muore.

Nessuno inoltre doveva vedere il marmo e il drappo rosso dell’arcangelo. Ma giunto un nuovo canonico, eccitato dalla leggerezza del suo giovane spirito, digiunò tre giorni consecutivi e, al quarto, avendo lavato il suo corpo, egli prese tra le mani la cassetta e cercò di forzarne il coperchio con un coltello ma fu subito privato della vista, dell’udito e della parola. egli pianse la sua folle curiosità, ma troppo tardi, perché rese lo spirito.


SAINT MICHEAL

Leggi anche:
L’apparizione di San Michele Arcangelo sul monte Tomba




Leggi anche:
13 cose che sicuramente non sapete su Mont-Saint-Michel


SAN MICHELE

Leggi anche:
Perché invocando San Michele ci possiamo proteggere dal coronavirus?




Leggi anche:
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San Michele Arcangelo

Tags:
san michele arcangelosantuario
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni