Aleteia
sabato 24 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Chiesa

La riapertura delle Messe obbliga i fedeli ad andare in chiesa?

KSIĄDZ W MASECZCE

Philippe Lissac / Godong

Agi - Don Mauro Leonardi - pubblicato il 16/05/20

Come ha detto Delpini, l'Arcivescovo di Milano, si apre una sorta di periodo di riabilitazione che ha una certa macchinosità

Lunedì prossimo, 18 maggio, ricominceranno in Italia le Messe “con popolo” e per l’occasione cesserà la diretta della Messa quotidiana del Papa da Santa Marta.

L’appuntamento con la Messa dalla cappella della casa dove abita è stato un gesto con il quale Bergoglio ha accompagnato milioni di persone ogni giorno.

Dall’inizio del pontificato molti avevano già la consuetudine di leggere le sintesi delle omelie quotidiane che i media vaticani ogni giorno offrivano, ma è stato molto diverso accogliere nella propria casa, in diretta alle 7 del mattino, Papa Francesco che si avvicinava a noi, con il suo modo forte e delicato.

Molte delle sue riflessioni di questi due mesi resteranno memorabili. Proprio in una di esse, quella del 18 aprile, Papa Francesco aveva coniato uno dei suoi famosi neologismi, quello di “non viralizzare” la Messa e i sacramenti, facendo intendere cioè che, appena sarebbe stato possibile, si sarebbe tornati alla comunione sacramentale reale, non mediatica. “Questa è la Chiesa di una situazione difficile – aveva detto –, che il Signore permette, ma l’ideale della Chiesa è sempre con il popolo e con i sacramenti. Sempre”.


Urbi et Orbi

Leggi anche:
Papa: attenzione al rischio gnostico di una Chiesa solo virtuale (VIDEO)

Così da lunedì prossimo, poiché l’accordo tra Conte e Bassetti consente con le dovute precauzioni le Messe con la gente, quella promessa verrà mantenuta. Anche se per amor di esattezza bisogna aggiungere che l’ultima Messa da Casa Santa Marta sarà quella del 17 maggio non del 18, perché l’ultima, quella del lunedì, sarà trasmessa in diretta streaming non da Casa Santa Marta ma da San Pietro, dall’altare vicino alla tomba di uno dei pontefici predecessori di Bergoglio: quel Karol Wojtyla che proprio il papa argentino aveva canonizzato il 27 aprile 2014, e di cui lunedì prossimo ricorreranno i cento anni della nascita.

L’ira dei vescovi per il nuovo decreto di palazzo Chigi che impedisce la celebrazione di riti religiosi a eccezione dei funerali. “Inaccettabile” dicono i vescovi con un linguaggio insolitamente duro

La riapertura delle Messe al pubblico non significa però che tutto tornerà come prima del Coronavirus. “Scusi don, ma da lunedì 18 maggio sarà di nuovo obbligatorio andare a Messa la domenica e confessarsi?”. Queste alla fine sono giustamente le domande che arrivano a noi preti. Turbano le coscienze in particolare due comandamenti: quello del precetto domenicale e quello di confessarsi almeno a Pasqua, visto che il lockdown ha colpito in pieno i due periodi “caldi” della religione cattolica, ovvero Pasqua e quaresima.

Io, a chi me lo chiede, vorrei rispondere che aveva ragione Dostoevskij quando, nella Leggenda del Grande Inquisitore de I Fratelli Karamasov, rimandava a morire Cristo perché colpevole di aver dato all’uomo il peso schiacciante della libertà. Nel caso del precetto sulle Messe, però, è inutile scomodare il grande russo, visto che nel protocollo d’intesa firmato da Conte, Lamorgese e Bassetti è scritto chiaro e tondo, al punto 5.2, che “si ricorda la dispensa dal precetto festivo per motivi di età e di salute.”




Leggi anche:
Dal 18 maggio di nuovo a messa. Papa Francesco felice: si ritorna alla familiarità con il Signore

Quello della salute, ovvio, è un concetto più ampio di quello della malattia. Cioè, se io, anche se non sono malato, temo di contagiarmi nonostante nella mia parrocchia vengano rispettati esattamente tutti i protocolli, non ho obbligo né di partecipare alla Messa né di confessarmi: ovvero non è ancora arrivato il momento di mettere in pratica il proposito che Papa Francesco ricordò il 20 marzo 2020 quando riprese la dottrina sulla contrizione esplicitando l’intenzione di confessarsi con un sacerdote appena possibile. E questo vale, naturalmente, anche se con me vivono persone anziane o immunodepresse.

Insomma dal 18 maggio – e fino a quando la situazione sanitaria sarà del tutto normalizzata – non ci sarà alcun obbligo di andare a Messa e di confessarsi. Tranne nel caso degli anziani e delle persone con malattia conclamata che saranno impedite, riceverà i sacramenti solo chi liberamente lo vorrà e lo sceglierà. Come ha detto Delpini, l’Arcivescovo di Milano, si apre una sorta di periodo di riabilitazione che ha una certa macchinosità. “Immagino questo periodo come quel periodo di riabilitazione che chi ha subìto un trauma deve affrontare con determinazione, perché se uno non ci mette la buona volontà non si riabilita. Però anche con gradualità e prudenza, perché se uno fa le cose troppo in fretta rischia di riprendere i dolori che il trauma ha causato.”




Leggi anche:
Si torna a messa il 18 maggio: firmato il protocollo CEI-Governo

Qui l’articolo pubblicato da Agi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
Messa
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni