Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 30 Settembre |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

La vita è proprio bella ed è bello festeggiarla insieme!

FESTA MASCHERINE

Di Luiza Kamalova|Shutterstock

Missionarie di San Carlo - pubblicato il 14/05/20

Dalla missione in USA, uno scampolo colorato della vita della comunità in quarantena: la grande importanza di festeggiare non è venuta meno, anzi! Via libera ad esibizioni, video, canti, sorprese. La conferma che non siamo fatti per restare soli e che la vita è bella e va festeggiata.

Di suor Marilù Arbesu

Da quando sono negli Stati Uniti, ho notato che agli americani piace molto festeggiare, tutto l’anno è scandito da diversi tipi di festività che hanno il loro spazio importantissimo nel calendario. Ciascuna è accompagnata da certi “rituali”, che implicano perfino il colore dei vestiti da indossare.

Nella comunità del movimento di Comunione e Liberazione questa importanza dei festeggiamenti tocca in modo profondo i rapporti personali, per cui un compleanno o un anniversario diventano un’occasione perfetta per fare una festa: serate insieme, canti e spesso un video in cui si possono vedere le doti artistiche di questo popolo: sono bravissimi sul palcoscenico!

Ho visto espressioni creative di festeggiamenti durante questo tempo di quarantena. Ad esempio, in occasione del compleanno di suor Teresa e del XXX anniversario di ordinazione di don Michael Carvill, parroco a Broomfield, abbiamo ricevuto un paio di video a tema con la “social distance” e l’uso della mascherina, in cui abbiamo goduto della sana ironia che i nostri amici hanno usato per sdrammatizzare il fatto di non poter festeggiare insieme. O ancora, per fare gli auguri di buon compleanno a Valeria, amica e madre di famiglia, è stata organizzata una sfilata di macchine. Lei, che non se l’aspettava, si è trovata davanti a un fiume di macchine in cui si cantava in coro “Happy Birthday”.

Una cosa che mi ha colpito molto è stato vedere i nostri amici coinvolgere i loro figli in questi momenti. Non erano i genitori a far di tutto per seguire i desideri dei bambini, ma erano i bambini che cercavano di imitare i loro genitori, che stavano vivendo con grande gioia quei momenti: dal fare cose simpatiche per i video, al disegnare i cartelloni per la sfilata. Guardandoli, ho pensato quanto sono fortunati questi piccoli, che possono imparare dentro questi gesti cos’è l’amicizia, come si vive in comunità, che l’uomo non è fatto per essere da solo, e che è bella la vita e festeggiare con gli amici. Ho visto dentro questo gesto la speranza di un popolo che pur nell’isolamento mantiene l’unità.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MISSIONARIE DI SAN CARLO

Tags:
missionariquarantenausa
Top 10
See More