Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconSpiritualità
line break icon

“Se Dio vuole”. Cosa significa davvero la Provvidenza di Dio?

<a href="http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=127647092&amp;src=id" target="_blank" />Love</a> © Kaveryn Kiryl / Shutterstock

&lt;a href=&quot;http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=127647092&amp;src=id&quot; target=&quot;_blank&quot; /&gt;Love&lt;/a&gt; &copy; Kaveryn Kiryl / Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 14/05/20

di Kenneth Pierce

Comprendere la Provvidenza di Dio a volte può costarci un po’. Quando si è conclusa la Settimana Santa, mi sono arrivati vari commenti di persone che mi dicevano di aver vissuto la migliore Settimana Santa della loro vita. All’inizio, com’è ovvio, sono rimasto sorpreso. Non ci sono state celebrazioni liturgiche, non si poteva andare in chiesa, né ricevere la Comunione. Com’era possibile celebrare in quel modo la Settimana Santa?

Non potendo uscire, molti hanno dedicato più tempo del solito a riflettere sui misteri della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo, e hanno anche potuto seguire con più concentrazione le celebrazoni liturgiche che sono state trasmesse. Vederle attraverso la televisione non è la cosa migliore, ma per molti è stata l’occasione per seguirle come mai non avevano fatto prima.

Dio può avvalersi di situazioni difficili per trarne un bene

© Hietaparta

Non è un motivo per replicare l’anno prossimo, come se fosse il modo migliore per vivere la Settimana Santa, ma mi ha fatto pensare a come Dio possa avvalersi delle situazioni difficili per trarne un bene. In altri termini, mi ha fatto pensare molto alla Provvidenza divina.

Spesso usiamo il termine “Provvidenza” per esprimere una vaga fiducia nel fatto che sia tutto nelle mani di Dio. A volte, tuttavia, dimentichiamo il ruolo che giochiamo nella Provvidenza divina e rendiamo Do l’unico responsabile di tutto. Per questo, se le cose non vanno come volevamo, ci infastidiamo con Lui e ci allontaniamo dal suo amore.

La frase “Se Dio vuole” può esprimere una grande verità teologica, e al contempo essere incredibilmente confusa e ingiusta nei confronti dell’amore provvidente di Dio. Dipende tutto da come intendiamo la divina Provvidenza.

Vorrei indicare tre immagini erronee che credo ci confondano un po’ sulla Provvidenza di Dio.

Tre immagini sbagliate che ci confondono quando parliamo della Provvidenza di Dio

Chapel in the morning light - © Paul / Shutterstock

La Provvidenza del Dio-architetto: all’inizio suona bene, dopo tutto Dio ha progettato e creato il mondo, e lo ha fatto molto bene. Lo ha pensato, lo ha eseguito e ce lo ha offerto. Qual è il problema? Che spesso sotto questa idea si nasconde questo pensiero: Dio ha creato il mondo e poi lo ha abbandonato perché tutto proceda con un’autonomia assoluta.

In altri termini, Dio sarebbe intervenuto solo per progettare e creare tutto, ma niente di più. È un mondo in cui Dio è assente, in cui non esiste la Provvidenza divina. Un’altra immagine simile è quella del Dio orologiaio, che crea e mette in marcia il meccanismo dell’orologio ma poi lascia che tutto si sviluppi senza intervenire.

La Provvidenza del Dio-destino: pensare che, visto che tutto accade perché “Dio vuole”, la libertà dell’uomo non giochi alcun ruolo e il nostro destino sia già stabilito in anticipo. Le mie decisioni sarebbero solo una finzione, e non importa il cammino che scelgo, perché alla fine arriverò ciecamente allo stesso luogo già predestinato da Dio.

Nell’antichità, i Greci la pensavano così, assumendo che il loro destino fosse retto dagli astri e non ci fosse via d’uscita. Se la pensiamo così, e a volte sembrerebbe che lo facciamo, vivremo eternamente in una tragedia greca.

La Provvidenza del Dio capriccioso: pensare che la Provvidenza di Dio presupponga solo la volontà divina, e intenderla meramente come una volontà capricciosa. Se Dio vuole interviene, se non vuole non lo fa, e le sue decisioni non obbediscono ad altra ragione che al sentimento del momento.

Questo presuppone il fatto di pensare che Dio agisca come gli esseri umani, mosso dal capriccio e dal desiderio del momento. Si dimentica che Dio ha un progetto, una ragione dietro il modo in cui agisce e ci cura.

  • 1
  • 2
Tags:
provvidenza

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni