Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 02 Febbraio |
Presentazione del Signore e Purificazione della Vergine
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Mi avevano dato per morto, ma sono tornato in vita (VIDEO)

Geraldo Morujão en la piscina

Opus Dei Portugal

Opus Dei - pubblicato il 13/05/20

Il sacerdote portoghese Geraldo Morujão ha subìto un arresto cardiaco in una piscina della Terra Santa, e attribuisce il miracolo di continuare a nuotare a 89 anni all'intercessione del beato Álvaro del Portillo

L’11 settembre 2013, Geraldo Morujão, sacerdote della diocesi di Viseu (Portogallo) che accompagnava un pellegrinaggio in Terra Santa, è arrivato la mattina presto all’aeroporto di Tel Aviv.

Membro della Società Sacerdotale della Santa Croce, docente di Sacra Scrittura e Lingue Bibliche, aveva messo questo viaggio sotto la protezione del beato Álvaro del Portillo, per il quale nutriva una grande devozione.

P Geraldo con estudiantes en Fátima
Opus Dei Portugal

Dopo non aver dormito quasi per niente in aereo e stanco per le emozioni e le attività di quella prima giornata, ha deciso di nuotare un po’ nella piscina dell’albergo.

A quasi 83 anni il nuoto era il suo sport abituale, e ha pensato che sarebbe stato un ottimo modo per riposarsi un po’ prima di cena.

Poco dopo è stato visto inerte, a pancia in giù nell’ac qua, ed è stato tirato fuori dalla piscina. Era blu e aveva gli occhi chiusi.

Non si è svegliato neanche quando, 15 o 20 minuti dopo, è arrivata l’ambulanza, hanno usato un defibrillatore e provato a effettuare il massaggio cardiaco.

È stato dichiarato morto. Non c’era più fretta. È partito per l’ospedale solo verso le 20.30.

Il monitor che registrava il ritmo cardiaco mostrava una linea piatta. Il dottor Yonathan Hasin, il medico del reparto di Cardiologia che lo ha preso in carico, ha detto che il cuore aveva smesso di battere e che il sacerdote era in coma. Il neurologo ha detto a Salama Gasan, responsabile degli infermieri, che non c’era più niente da fare.

Ci hanno comunque provato. Hanno abbassato la sua temperatura corporea a 34 gradi e hanno deciso di tenerlo collegato alla macchina per quattro giorni, perché come ha detto il dottor Hasin in quelle condizioni una persona su mille si risveglia, anche se riporta gravi conseguenze. Era rimasto a lungo senza ossigenazione cerebrale.

C’era molto da fare, però, dal punto di vista soprannaturale: man mano che la notizia si diffondeva, cresceva l’ondata di preghiere che chiedevano a Dio la guarigione di padre Geraldo.

Manuel, sacerdote e fratello di Geraldo, ha ricevuto una telefonata che lo preparava al peggio. I preparativi per il trasferimento in Portogallo stavano iniziando. All’ambasciata volevano sapere la data del funerale.

Dove sono?

Nel reparto di terapia intensiva, le infermiere di turno non parlavano con le persone in coma ma tra loro sì, pur se a voce bassa. Il 14 mattina, padre Geraldo ha sentito parlare in ebraico poco dopo aver aperto gli occhi.

Intubato, incapace di parlare, ha fatto un gesto chiedendo qualcosa per scrivere e ha scritto in quella lingua, che conosce perfettamente, איפה אני?, Dove sono?

Non sapeva nulla di quello che gli era accaduto. Era vivo quando si pensava dovesse morire a momenti. Ignorava di trovarsi nell’ospedale di Tiberiade e che l’estrema unzione gli era stata amministrata dal vescovo di Mgar, a circa 30 chilometri di distanza, o che lo sceicco musulmano della moschea era venuto a pregare per lui per una decina di minuti.

Miracolo

Padre Geraldo si è sorpreso per l’entusiasmo con cui l’infermiere Wissam, non credente, ha risposto alla domanda che aveva posto per iscritto. Wassam gli ripeteva spesso con entusiasmo “Dio ti ha benedetto!”

La parola “miracolo” ha iniziato a sentirsi in vari luoghi, insieme alla frase “Padre Geraldo ha aperto gli occhi!” Anche l’autista dell’ambulanza è andato a fargli visita, non riuscendo a credere che fosse vivo.

Il giorno dopo è stato estubato. I medici gli hanno posto domande come “Hai visto la luce alla fine del tunnel?”, “Sei stato in Paradiso e non ci racconti niente?”

“Si è ripreso da una situazione in cui è molto difficile sopravvivere”, ha affermato il dottor Hasin. “Le statistiche non erano dalla sua parte, ma c’è stata questa sequenza di eventi ed è andato tutto bene”. Sembra un modo cauto di parlare di quello che si potrebbe anche definire un miracolo.

“Siamo medici e infermieri e crediamo nella Medicina”, ha detto Wassam, “ma in questo caso c’è stato un miracolo”.

D Geraldo en Viseu
Opus Dei Portugal

Padre Geraldo attribuisce questa grazia all’intercessione del beato Álvaro del Portillo, vescovo morto il 23 marzo 1994 e beatificato il 27 settembre 2014 che è stato prelato dell’Opus Dei dopo essere stato il grande sostegno del fondatore dell’Opera, San Josemaría Escrivá.

Il giorno dell’incidente, come in molte altre occasioni, padre Geraldo aveva recitato la preghiera per chiedere il suo aiuto.

WEB-SAINT-MAY 12-ALVARO DEL PORTILLO-2 © Alvaro del Portillo Daily
© Alvaro del Portillo Daily

Il beato Álvaro, morto per un problema cardiaco, è stato l’intercessore perché padre Geraldo si riprendesse da un arresto cardiaco. La festa del beato Álvaro si celebra il 12 maggio.

Tags:
opus deiportogallosacerdoteterra santa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni