Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Aprile |
San Giorgio
home iconFor Her
line break icon

Sei sicura che per far nascere il tuo bambino qualcuno debba dirti quando spingere?

Gorodenkoff | Shutterstock

Il Parto Positivo - pubblicato il 11/05/20

La convinzione che qualcuno debba dirci quando spingere ci mette in ascolto, ma nella direzione sbagliata. La prima voce da ascoltare è quella dentro di noi. E quando e come spingere, tu lo sapresti, se sapessi di saperlo! Soprattutto perché più che di spingerlo fuori, questo bambino, c’è bisogno di lasciarlo andare.

Il nostro parto è strettamente connesso a quello che pensiamo e proviamo. Quello che pensiamo e proviamo è strettamente connesso a quello che sappiamo. Ma quello che sappiamo non sempre è completo, né sufficiente. Non sempre è verificato.

E a volte non sappiamo neanche di saperlo.

Chiamatelo subconscio, memoria procedurale, ricordi latenti o come vi pare: il nostro cervello ha raccolto un database di informazioni per tutta la vita, e alcune le abbiamo interiorizzate come mappe mentali su cui ci muoviamo con fiducia (a volte ben riposta, altre meno). È un circolo vizioso di cui non sempre siamo consapevoli e sul quale non sempre abbiamo controllo. Un circolo sottile e delicato, che ha un impatto chimico e fisiologico enorme, ma il limite di essere difficile da delimitare e controllare.

Che il modo in cui partoriamo dipenda moltissimo dalla nostra psiche, mentalità e emotività è ormai un mantra che leggiamo ovunque, e magari abbiamo anche iniziato a crederci.

Ma poi nella pratica, ci accorgiamo quando proprio i nostri pensieri ci fanno lo sgambetto? La verità è…NO. O almeno non sempre. Di tutti gli sgambetti che abbiamo l’abitudine di farci da sole, ce n’è uno particolarmente diffuso. Una frase – detta, pensata, interiorizzata – che dice più o meno cosi’: “E poi mi diranno quando spingere”.


PREGNANT WOMAN,

Leggi anche:
Contrazioni: tutto quello che devi veramente sapere (e nessuno ti dice)

La convinzione che per far nascere il nostro bambino qualcuno debba dirci quando spingere ha radici che affondano profondamente. Dentro di noi, nelle nostre aspettative, nella nostra cultura e, cosa non meno importante, nell’atteggiamento dei professionisti in sala parto. Ma attenzione: non sono radici. Sono spine.

La convinzione che qualcuno debba dirci quando spingere sta lì, subdola e silenziosa, insieme a tutte le altre invisibili firme di delega con cui spesso, senza quasi mai rendercene conto, affrontiamo parto e travaglio.

Noi guardiamo film in cui una specie di curva da stadio dice alla donna “Spingi, spingi”. E ci aspettiamo si faccia così. Siamo figlie di donne (quando non donne noi stesse) a cui hanno insegnato/imposto – e da cui hanno preteso – cose contro natura come spingere tenendo il respiro. Sdraiate sulla schiena con le gambe alzate per di più.

La convinzione che qualcuno debba dirci quando spingere ci mette in ascolto. Ma nella direzione sbagliata. Infatti ci mette in ascolto di qualcosa che deve venire dal di fuori. Mentre (è banale, e come tutte le cose banali non si ripete mai abbastanza) la prima voce da ascoltare è quella dentro di noi. Quella che ci direbbe cosa fare e come farlo in modo molto molto chiaro. Se la lasciassimo parlare. E fin dai primi giorni di gravidanza.

Lo abbiamo detto e ripetuto mille volte e chi ci legge lo sa: riteniamo l’assistenza ostetrica un privilegio a cui non rinunciare MAI. Ma abbiamo detto e ripetuto molte volte che il privilegio vero è proprio l’assistenza, che è cosa ben diversa dalla gestione del parto. Si comincia con l’avere accanto qualcuno che vede il tuo corpo non come un’imperfezione che la sua superiorità può raddrizzare ma come qualcosa di potente e meraviglioso che la sua competenza può facilitare.


PREGNANT, PREGNANCY,

Leggi anche:
Il parto è il nostro primo atto da mamme: non deleghiamo come affrontarlo!

E quando e come spingere, tu lo sapresti. Se sapessi di saperlo. Soprattutto perché più che di spingerlo fuori, questo bambino, c’è bisogno di lasciarlo andare.

E allora, dopo essersi assicurate di partorire con un’ostetrica di quelle vere (e ce ne sono tante e sempre di più), che sa misurare le parole come i centimetri della cervice, la frase “Mi diranno quando spingere” diventa, deve diventare: “Sentirò quando e come spingere. O forse respirare.”

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG IL PARTO POSITIVO

Tags:
partopartorire
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa sui cristiani “malati” di protagonismo: non d...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
6
PRIEST,ROMAN,COLLAR
Ary Waldir Ramos Díaz
Aveva un contratto con la Roma, ma ha preferito firmare con Dio
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni