Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
home iconApprofondimenti
line break icon

Quali Paesi usciranno prima dalla crisi economica dopo la pandemia?

DOLLAR

Shutterstock | Andrey Odesskiy

César Nebot - pubblicato il 09/05/20

Queste previsioni, però, non sono altro che congetture basate su presunti semplificatori a volte molto forti. Quando si stimava l’effetto della crisi del 2008, i presupposti su cui si basavano le previsioni non affrontavano uno dei problemi fondamentali, e per questo non potevano calibrare la portata economica e sociale nel tempo di quella crisi.

La crisi del 2008 si è scatenata di fronte allo scoppio della bolla immobiliare per un’ingegneria finanziaria che aveva distribuito nel mondo un totale di 3 trilioni di dollari in attivi tossici.

Evidentemente questi attivi finanziari sopravvalutati e senza il sostegno di garanzie sufficienti avevano un effetto economico importante di per sé, ma se fossero stati localizzati rapidamente la portata della crisi avrebbe potuto essere molto inferiore a quella che è stata in realtà.

Il problema di informazione provocava un problema di mercato definito di selezione avversa, in cui gli attivi tossici influiscono negativamente su quelli sani. In questo modo, la sfiducia di mercati finanziari e la necessità delle istituzioni bancarie di far vedere di aver sanato i propri conti ha operato estendendo il timore e l’indebolimento finanziario a tutto il sistema.

Da questo sono derivati i salvataggi bancari, le crisi di debito e quelle delle valute come l’euro, in cui è dovuta entrare la Banca Centrale Europea con il suo famoso “whatever it takes”. Tutto questo accompagnato con flussi di disoccupazione e problemi sociali.

Cosa possiamo imparare da tutta la crisi precedente? In primo luogo, la crisi che deriva dalla pandemia avrà di per sé un effetto economico previsto ben superiore a quei 3 triliardi di dollari.

La lezione più importante, però, è che l’informazione è fondamentale. La portata temporale della crisi degli attivi tossici si è estesa fin quando non sono stati localizzati. Nella crisi sanitaria, dev’essere essenziale localizzare i focolai di infezione per limitarne l’azione e ridurre i contagi.

L’isolamento totale di un Paese come quello che si sta realizzando è una misura preventiva per ridurre il contagio, ma è una misura di second’ordine. Quelle di prim’ordine hanno a che vedere con la localizzazione e lo sradicamente del virus. Lo sradicamento è collegato allo sviluppo del vaccino, ma la localizzazione dei focolai ha a che vedere con i test massicci sulla popolazione.

Paesi come la Corea del Sud hanno sottoposto a test tutta la popolazione, e questo ha permesso di localizzare i focolai, realizzare quarantene selettive ed eludere il confino totale del Paese.

Paesi come la Spagna, invece, non hanno agito quando vedevano arrivare lo tsunami anziché immagazzinare test e materiale sanitario di fronte agli avvertimenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

In questo caso, la mancata localizzazione dei focolai di contagio ha portato all’unica soluzione per far fronte alla pandemia, l’isolamento, con il costo economico e sociale che comporta.

In questo senso, l’isolamento corrisponderebbe a una specie di chiusura dei mercati finanziari nella crisi del 2008, un problema enorme.

L’isolamento non è quindi un merito di gestione di un Governo, ma la conseguenza della sua mancanza di previsione e gestione. Per questo, la portata della crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 sarà diversa in ogni Paese e dipenderà dalla capacità di localizzare e sradicare i focolai di contagio.

Ci sono Paesi destinati a un futuro oscuro, mentre altri vedranno la luce prima e saranno non solo quelli che supereranno meglio la crisi economica, ma anche quelli che conteranno nel nuovo ordine geostrategico dopo la pandemia.

  • 1
  • 2
Tags:
coronaviruseconomia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni