Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStorie
line break icon

Il “medico dei poveri” cristiano della Turchia soccombe al coronavirus

pixabay

John Burger - pubblicato il 08/05/20

Murat Dilmener è stato il primo cristiano siriaco a insegnare nella facoltà di Medicina di Istanbul

Un medico cristiano considerato il “dottore dei poveri” e scagionato dall’accusa di atti illeciti è morto di coronavirus a Istanbul.

Murat Dilmener, morto domenica a 78 anni, è stato il primo cristiano siriaco a insegnare in una facoltà di Medicina in Turchia.

Secondo il quotidiano Hürriyet, Dilmener, esperto in Medicina interna, “ha contribuito ampiamente alla formazione di molti studenti nella facoltà di Medicina di Istanbul”.

Dilmener era nato nel 1942 a Mardin, in Turchia, centro della Chiesa ortodossa siriaca. Si era offerto volontario per varie iniziative nelle chiese della sua comunità sia a Mardin che a Istanbul.

Nel 2004, le autorità turche hanno aperto un’indagine su Dilmener e altri 135 medici, che avevano curato dei pazienti poveri senza permesso e gratuitamente presso un ospedale pubblico di Istanbul, secondo Fides, l’agenzia di notizie delle Pontificie Opere Missionarie. Le accuse contro il professore di essersi impossessato di fondi pubblici per sostenere quell’iniziativa sono poi state archiviate.

Dopo quell’incidente, i media turchi hanno iniziato a chiamare Dilmener “il medico dei poveri”.

“Abbiamo perso uno dei nostri preziosi insegnanti a causa dell’infezione da coronavirus”, ha dichiarato il decano della facoltà di Medicina dell’Università di Istanbul, il dottor Tufan Tükek, in un tweet del 3 maggio. “Auguro al nostro insegnante la misericordia di Allah”.

Fides ha riferito che centinaia di medici, studenti e impiegati della facoltà di Medicina dell’Università di Istanbul hanno assistito a una commemorazione in onore di Dilmener nell’ateneo, ignorando le misure di distanziamento sociale imposte dalla pandemia del Covid-19.

Tags:
coronavirusmedicoturchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni