Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

Consigli di un cardinale che ha vissuto 13 anni in isolamento

© DR

Cecilia Zinicola - pubblicato il 08/05/20

Francesco Saverio Nguyen van Thuan offre consigli utili per rinnovare le forze quando si è lontani da tutti

Passano i giorni, e l’isolamento è per molti qualcosa di gravoso e pesante. Gli psicologi concordano sul fatto che è normale che l’isolamento provochi ansia ed esaurimento, cosa che il passare del tempo si può facilmente intensificare. In queste circostanze, come si può andare avanti senza scoraggiarsi?

Francesco Saverio Nguyen van Thuan è stato un cardinale vietnamita che ha trascorso 13 anni in prigione sotto il regime comunista. All’inizio gli costò molto accettare che non poteva più uscire, stare tra i suoi o svolgere il suo lavoro, ma poco a poco l’isolamento ha trasformato tutta la sua esistenza.

In uno di suoi libri, intitolato Cinque pani e due pesci, condivide quello che lo ha aiutato a rimanere in piedi nei lunghi anni di confinamento. Oggi possiamo riprendere le sue parole come preziosi consigli per rinnovare le nostre forze durante questa nuova tappa della pandemia.

Vivire il momento presente

Il fatto di non poter uscire fa sì che si viva con grandi aspettative su quando si uscirà, si dipenda dagli annunci ufficiali e si segni ogni giorno sul calendario. Il cardinale van Thuan diceva che un giorno ha preso la decisione di smettere di contare i giorni di prigionia che gli rimanevano e di aspettare per concentrarsi sul fatto di vivere ogni giorno, ogni minuto, come l’ultimo della sua vita.

Questo lo ha aiutato a mettere da parte tutto ciò che era accessorio per concentrarsi sull’essenziale, ad essere presente in ogni parola, in ogni gesto e ogni conversazione telefonica. Ogni decisione che prendeva era la cosa più bella della sua vita.

Le cose più visibili e più grandi che ci circondavano si sono fermate, ma molte di quelle piccole restano in vigore, tante delle quali forse per noi impercettibili. Contemplare questi dettagli nel momento presente dà un’elasticità all’apparato psichico che ci aiuta a mantenerci concentrati.

Durante l’isolamento, è di grande aiuto cogliere il momento presente, anche in silenzio, scoprendo parole interne, nascoste, e meditando su di loro. Questo atteggiamento ci porterà a compiere un esercizio quotidiano per la pazienza che si sviluppa solo in periodi di avversità e in cui ci rendiamo conto che la vita è una trascendenza più profonda della routine.

Trovare il nostro proposito

Ci sono tante cose che siamo capaci di fare, e tante altre che vogliamo continuare a fare o avevamo progettato e ora essendo confinati in casa senza poter uscire sembrano irraggiungibili. È facile sentirsi scoraggiati e frustrati.

A Francesco Saverio era accaduto questo. Pensava alle visite pastorali, alla formazione dei seminaristi, alla costruzione di scuole, di case per gli studenti e missioni per evangelizzare. Tutte opere eccellenti che voleva realizzare, ma che non poteva più compiere.

Un giorno comprese una verità: avrebbe potuto fare molte cose, ma in quel momento forse Dio lo voleva lì e non da un’altra parte. Sceglieva come prima cosa Dio e non le sue opere. Se Dio voleva che abbandonasse tutto, la cosa giusta era mettere tutto nelle sue mani con fiducia, perché Dio avrebbe realizzato quelle opere meglio di lui e le avrebbe affidate a persone più capaci.

Questo periodo di isolamento è forse un momento per aumentare la nostra fiducia, smettere di “fare” e concentrarci di più sull’“essere”. Le attività implicano una monotonia che a volte non ci lascia molto tempo per riflettere, e quando non riusciamo a vedere il proposito perdiamo la ricerca del futuro.

Ogni processo deve portarci a migliorare il nostro carattere, la nostra vita familiare, il nostro lavoro. È un’opportunità per aiutarci a distaccarci da tutto per ritrovare noi stessi. Un periodo opportuno per cercare Dio e il proposito per cui ci ha creati e imparare ad agire per risolvere tutto e farlo meglio.

  • 1
  • 2
Tags:
carcerecardinal van thuanisolamentovietnam
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni