Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconChiesa
line break icon

La beata Elena Aiello è stata guarita dalla Madonna di Pompei: la storia del miracolo

YouTube/Gammarella

La beata Elena Aiello, nata nel 1895, è una religiosa italiana. Fondò la congregazione delle Suore Minime della Passione di Cristo. Nel marzo del 1928 le apparve Cristo, invitandola a partecipare alle sue sofferenze. È stato allora che cominciò a sentire dolore attorno alla testa e a sanguinare. Altre stimmate fecero la loro apparizione un poco più tardi, ai piedi e alle mani. Ogni venerdì le sue piaghe sanguinavano abbondantemente, come diversi testimoni (tra cui diversi medici) poterono constatare.

don Marcello Stanzione - pubblicato il 08/05/20

La guarigione dal terribile male che le capitò alla vigilia di Natale del 1906, fu annunciato da una visione della Vergine del Rosario

Chi era veramente la beata Elena Emilia Santa Aiello, mistica e stigmatizzata del secolo scorso? Elena era nata a Montalto Uffugo, un paesino in provincia di Cosenza, il 10 aprile 1895, proprio durante la settimana santa. Suo padre Pasquale era sarto e stimato in tutto il circondario. Sua madre, Teresa Paglilla, ebbe otto figli ma, quando Elena compì dieci anni, morì, lasciando la famiglia nella tristezza più profonda e quasi nella disperazione.

Elena si prodigava già nel crescere e accudire i fratelli, quando, a causa di un incidente tanto spiacevole quanto inspiegabile, cominciò ad essere vittima della serie interminabile delle sue malattie. Ecco cosa accadde, secondo quanto si legge in uno scritto che è stato redatto tenendo conto degli appunti della suora calabrese.

Il primo malore

Alla vigilia di Natale del 1906, Elena ed Evangelina sua sorella osservarono da casa una scena ridicola e la raccontarono al babbo, per farlo distrarre dal pensiero della morte della loro genitrice (era passato appena un anno). Elena, mentre rideva, ebbe un colpo di tosse convulsa per un po’ di acqua che, bevendo, era entrata nella trachea. Comunque, per circa un anno e mezzo, ebbe l’abbassamento della voce e tosse continua, che cessava soltanto durante la notte.

La visione

Furono senza esito le varie cure tentate: il dottor Francesco Valentini di Cosenza, infine, le ordinò il lavaggio dello stomaco, con una sonda gastrica. Per le sofferenze, causatele da tali lavaggi, e per il persistere del grave disturbo, una sera, dopo la recita del Santo Rosario (recita mai trascurata), Elena fece voto alla Santissima Vergine di Pompei di farsi religiosa nel suo Santuario se l’avesse liberata da quel terribile male.

Ed ecco cosa avvenne in seguito alla preghiera. Nella notte di quell’anno 1908, Elena Aiello ebbe la visione della Santissima Vergine di Pompei: Ella l’assicurava della guarigione.

La promessa mantenuta

Il mattino dopo, il grave disturbo era scomparso e la giovane poteva tornare alla vita normale, che per lei consisteva nell’assistenza ai poveri, ai malati e ai moribondi, specialmente durante la terribile epidemia della cosiddetta “spagnola”, che la vide prodigarsi instancabilmente tanto da non ritirarsi in casa nemmeno la notte, anche per non contagiare la famiglia, preferendo stare al capezzale dei sofferenti.

Ottenuto dal padre il permesso di farsi suora, Elena entrò finalmente come novizia, nel 1920, nell’Istituto delle Suore del preziosissimo Sangue nella diocesi di Nocera-Pagani, dove è collocato il Pontificio Santuario mariano di Pompei, rendendo omaggio a quella promessa fatta alla Vergine del Rosario.


JESUS,STIGMATA

Leggi anche:
I referti dei medici che hanno esaminato stimmate e ferite sul corpo di 6 famose mistiche




Leggi anche:
Supplica alla Madonna di Pompei per chiederne la potente intercessione




Leggi anche:
Chi ha diffuso il culto della Madonna di Pompei? Un anticlericale che praticava lo spiritismo


ŚWIĘTA WERONIKA GIULIANI

Leggi anche:
Santa Veronica Giuliani, la mistica che ha sperimentato le stigmate della Passione di Gesù

Tags:
beatamadonnamiracolimisticismosantuario pompei
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni