Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconStile di vita
line break icon

Lettera di un figlio a tutti i genitori: “Non mi date tutto ciò che vi chiedo”

MAILING A LETTER

Shutterstock

Felipe Aquino - pubblicato il 06/05/20

Una guida per educare i nostri figli

Da un po’ di tempo fa, gira su Internet un testo attribuito a Marita Abraham. Si tratta di una presunta lettera che un figlio avrebbe inviato a tutti i genitori del mondo, ma in realtà l’espediente della lettera è il modo che ha trovato l’autrice per sensibilizzare i genitori e aiutarli a educare i propri figli.

Vale la pena di leggerla:

“Non datemi tutto ciò che vi chiedo, a volte chiedo solo per vedere quando riesco a ottenere. Non gridate con me, vi rispetto meno quando lo fate e mi insegnate a gridare a mia volta, e io non voglio gridare. Non mi date sempre ordini; se a volte mi chiedeste le cose le farei più rapidamente e più volentieri. Mantenete le vostre promesse, buone o cattive. Se mi promettete un premio voglio riceverlo, e lo stesso vale quando si tratta di un castigo. Non paragonatemi a nessuno (soprattutto a mio fratello); se mi presentate come se fossi migliore degli altri qualcuno ne soffrirà, e se mi presentate come peggiore sarò io a soffrire. Non cambiate opinione rapidamente su quello che devo fare, decidete qualcosa e mantenete quella risoluzione. Lasciatemi fare da solo. Se fate tutto al posto mio non imparerò mai. Correggetemi con tenerezza. Non dite bugie davanti a me, e non mi chiedete di dirle per voi, anche se è per togliervi da un impaccio. È una cosa negativa. Mi fa sentire male, e perdo la fiducia in quello che dite. Quando faccio qualcosa di sbagliato, non esigete che vi dica perché l’ho fatto – a volte non lo so neanche io. Se sbagliate ammettetelo, perché in questo modo si rafforza l’opinione che ho di voi e mi insegnerete ad ammettere i miei errori. Trattatemi con la stessa gentilezza e cordialità con cui vedo che trattate i vostri amici. Il fatto che siamo una famiglia non significa che non possiamo essere anche amici. Non chiedetemi di fare una cosa che voi non fate. Imparerò a fare tutto ciò che fate anche se non me lo dite, ma farò difficilmente quello che dite e poi non fate. Quando vi racconto un mio problema, anche se vi sembra piccolo, non ditemi ‘Non abbiamo tempo per queste sciocchezze’. Cercate di capirmi – ho bisogno che mi aiutiate, ho bisogno di voi. Per me è necessario che mi amiate e lo diciate. La cosa che mi piace di più è sentirvi dire ‘Ti vogliamo bene’. Abbracciatemi, ho bisogno di sentirvi vicini a me. Non dimenticate che sono né più né meno di un figlio”.

Fonte: 100 Mensagens para a alma. Prof. Felipe Aquino. Ed. Cléofas

Tags:
educazionelettera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni