Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconStile di vita
line break icon

In difesa dei cristiani “musoni”

THOUGHT

Shutterstock

David Breitenbeck - pubblicato il 05/05/20

Non tutti i cristiani sono carini e simpatici. Ecco 3 cose di cui tener conto se si tratta di voi o di una persona cara...

Una volta è stato chiesto allo scrittore Evelyn Waugh come fosse riuscito a conciliare la sua fede cattolica con la sua personalità aggressiva e il brutto carattere. “Non avete idea di quanto sarei stato più cattivo se non fossi stato cattolico”, ha affermato. “Senza un aiuto soprannaturale sarei stato a malapena un essere umano”.

Alcuni di questi aspetti possono essere promossi con la pratica e un aumento delle virtù, che rendono ogni persona più caritatevole e comprensiva. Ci saranno però sempre persone che non si troveranno bene in compagnia, semplicemente perché non sono portate per questo.

Le persone di questo tipo si trovano spesso davanti a un dilemma: sanno che come cristiani dovrebbero amare il prossimo ed essere buoni nei confronti degli altri, ma possono ritenere che stare in compagnia sia emotivamente estenuante e spesso irritante. Spesso possono sentire di essere cattivi cristiani – anche a causa di persone che sembrano far equivalere l’amore cristiano al fatto di essere gentili. E allora, se siete uno di questi cristiani “inadatti”, ecco qualcosa da tenere a mente.

L’aspetto principale è il modo in cui vi relazionate a Dio

Se siete il tipo di persona che ho descritto, probabilmente allontanerete o offenderete qualcuno a un certo punto della vita. Non siete la persona che ispira naturalmente simpatia, e questo può rendere le cose difficili. È probabile che pensiate che sia colpa vostra, perché siete fondamentalmente “difettosi”.

Ricordate che tutti hanno difetti, e che Dio conosce le vostre lotte. Concentratevi sul fatto di fare cose gradite a Lui, non agli altri. In questo modo, non solo sarà più probabile che otteniate risultati positivi, ma scoprirete probabilmente che vi trovate anche meglio con gli altri. La sincerità e la buona volontà sono sicuramente qualità molto attraenti, anche quando sono affiancate all’irritabilità, e se le coltivate la gente lo riconoscerà e lo valorizzerà.

Abbiate chiari i vostri limiti

Una persona poco socievole o introversa ha bisogno di solitudine, buonsenso e ordine, cose che si trovano più probabilmente in alcuni luoghi che in altri. Non temete di declinare degli inviti o di disdire uscite programmate per trascorrere del tempo da soli. Non mettete alla prova la vostra pazienza.

Limitare il tempo trascorso negli ambienti stressanti, dove possibile, è spesso il modo migliore per evitare di essere poco caritatevoli o scontrosi. Le tentazioni sono già abbastanza forti, e non c’è bisogno di acuirle. Se sapete che un certo tipo di evento è per voi un’occasione di peccato, semplicemente non andateci, o non fermatevi a lungo. Evitare di mettervi eccessivamente alla prova non significa essere scortesi.

Datevi una possibilità per sfogarvi

Una persona naturalmente irritabile si sente spesso dolorosamente costretta, quasi imprigionata, perché è obbligata dalle convenzioni a tenere per sé ciò che pensa realmente e ad essere molto cauta quando lo esprime ad alta voce in compagnia. È importante avere qualche valvola di sfogo in cui ci si possa sentire in grado di essere pienamente onesti e diretti. Non crudeli, ovviamente, ma almeno liberi dalle restrizioni delle conversazioni di cortesia. Trovate un amico fidato e che la pensi come voi che sia disposto a lasciarvi esprimere in modo franco, o scrivete quello che pensate in un diario privato. L’importante è avere un posto in cui poter essere apertamente se stessi, senza temere di danneggiare i propri rapporti.

  • 1
  • 2
Tags:
comportamentocristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni