Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconStile di vita
line break icon

In difesa dei cristiani “musoni”

THOUGHT

Shutterstock

David Breitenbeck - pubblicato il 05/05/20

Non tutti i cristiani sono carini e simpatici. Ecco 3 cose di cui tener conto se si tratta di voi o di una persona cara...

Una volta è stato chiesto allo scrittore Evelyn Waugh come fosse riuscito a conciliare la sua fede cattolica con la sua personalità aggressiva e il brutto carattere. “Non avete idea di quanto sarei stato più cattivo se non fossi stato cattolico”, ha affermato. “Senza un aiuto soprannaturale sarei stato a malapena un essere umano”.

Alcuni di questi aspetti possono essere promossi con la pratica e un aumento delle virtù, che rendono ogni persona più caritatevole e comprensiva. Ci saranno però sempre persone che non si troveranno bene in compagnia, semplicemente perché non sono portate per questo.

Le persone di questo tipo si trovano spesso davanti a un dilemma: sanno che come cristiani dovrebbero amare il prossimo ed essere buoni nei confronti degli altri, ma possono ritenere che stare in compagnia sia emotivamente estenuante e spesso irritante. Spesso possono sentire di essere cattivi cristiani – anche a causa di persone che sembrano far equivalere l’amore cristiano al fatto di essere gentili. E allora, se siete uno di questi cristiani “inadatti”, ecco qualcosa da tenere a mente.

L’aspetto principale è il modo in cui vi relazionate a Dio

Se siete il tipo di persona che ho descritto, probabilmente allontanerete o offenderete qualcuno a un certo punto della vita. Non siete la persona che ispira naturalmente simpatia, e questo può rendere le cose difficili. È probabile che pensiate che sia colpa vostra, perché siete fondamentalmente “difettosi”.

Ricordate che tutti hanno difetti, e che Dio conosce le vostre lotte. Concentratevi sul fatto di fare cose gradite a Lui, non agli altri. In questo modo, non solo sarà più probabile che otteniate risultati positivi, ma scoprirete probabilmente che vi trovate anche meglio con gli altri. La sincerità e la buona volontà sono sicuramente qualità molto attraenti, anche quando sono affiancate all’irritabilità, e se le coltivate la gente lo riconoscerà e lo valorizzerà.

Abbiate chiari i vostri limiti

Una persona poco socievole o introversa ha bisogno di solitudine, buonsenso e ordine, cose che si trovano più probabilmente in alcuni luoghi che in altri. Non temete di declinare degli inviti o di disdire uscite programmate per trascorrere del tempo da soli. Non mettete alla prova la vostra pazienza.

Limitare il tempo trascorso negli ambienti stressanti, dove possibile, è spesso il modo migliore per evitare di essere poco caritatevoli o scontrosi. Le tentazioni sono già abbastanza forti, e non c’è bisogno di acuirle. Se sapete che un certo tipo di evento è per voi un’occasione di peccato, semplicemente non andateci, o non fermatevi a lungo. Evitare di mettervi eccessivamente alla prova non significa essere scortesi.

Datevi una possibilità per sfogarvi

Una persona naturalmente irritabile si sente spesso dolorosamente costretta, quasi imprigionata, perché è obbligata dalle convenzioni a tenere per sé ciò che pensa realmente e ad essere molto cauta quando lo esprime ad alta voce in compagnia. È importante avere qualche valvola di sfogo in cui ci si possa sentire in grado di essere pienamente onesti e diretti. Non crudeli, ovviamente, ma almeno liberi dalle restrizioni delle conversazioni di cortesia. Trovate un amico fidato e che la pensi come voi che sia disposto a lasciarvi esprimere in modo franco, o scrivete quello che pensate in un diario privato. L’importante è avere un posto in cui poter essere apertamente se stessi, senza temere di danneggiare i propri rapporti.

  • 1
  • 2
Tags:
comportamentocristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni