Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Conte: “Chiedo scusa per i ritardi negli aiuti. Non ignoro la rabbia”

GIOVANNI CONTE
Silvia Lore I NurPhoto
Giuseppe Conte, Public Administration Minister, during the presentation of would-be cabinet team ahead of elections on March 4 made by the leader of the Italy's populist Five Star Movement, Luigi Di Maio, on march 01, 2018 in Rome, Italy. (Photo by Silvia Lore/NurPhoto)
Condividi

Messaggio del premier via Facebook: “Non farò finta di non sentire i vostri consigli, le vostre sollecitazioni, la vostra angoscia. Lo stato e i lavoratori non si sono mai trovati di fronte a una minaccia sanitaria e economica come questa”

“Non farò finta di non sentire i vostri consigli, le vostre sollecitazioni, la vostra rabbia, la vostra angoscia. Non cadono nel vuoto, non sono parole al vento. Sono piuttosto il vento che spinge più forte l’azione del governo. Credo sia l’unico modo per onorare questo giorno, questo 1 maggio”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte su Facebook.

“Lo Stato, così come tutti i lavoratori, non ha mai trovato di fronte a sé una minaccia sanitaria ed economica come questa. Negli ultimi 50 giorni abbiamo dovuto mettere in campo uno sforzo economico pari a quello di intere manovre di bilancio realizzate nell’arco di 2 o 3 anni. Tanti hanno ricevuto un sostegno, altri lo riceveranno nei prossimi giorni. E’ ai dettagli un nuovo provvedimento con aiuti e misure per la ripartenza economica che saranno più pesanti, più rapidi, più diretti”, ha concluso il presidente del Consiglio.

 

 

Qui l’originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni