Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

La fatica e l’ansia dell’isolamento vi stanno esaurendo?

THOUGHT

Nadino | Shutterstock

Mike Eisenbath - pubblicato il 29/04/20

Consigli di una psicoterapeuta di un'associazione cattolica per chi si trova in questa situazione

Jennifer Madere, psicoterapeuta nel Texas (Stati Uniti), è specializzata nel trattamento di pazienti che hanno subìto qualche tipo di trauma. “In questo momento”, dice, “stiamo tutti vivendo dei traumi”.

In questo periodo di distanziamento sociale e interazione umana a tu per tu limitata, ha seguito le persone solo attraverso sessioni online.

“Tutti provano la stessa ansia tutti i giorni”, ha affermato, “e quindi all’inizio si sono sentiti normali, condividendo gli stessi sentimenti di tutti, cosa che apporta qualche consolazione”.

L’effetto consolazione, però, è ormai probabilmente passato, e “ora si è instaurato il fattore fatica”.

Come affrontare questa situazione, considerata la “nuova normalità”? La Madere, attuale presidentessa della Catholic Psychotherapy Association, offre alcuni consigli.

1 Accettazione radicale

È una delle capacità più fondamentali che molti psicologi insegnano nella Terapia Comportamentale Dialettica (TCD). La TCD è essenziale per qualsiasi persona abbia vissuto il cambiamento nello stile di vita che ha sperimentato il mondo. “Le persone devono trovare un’àncora nella normalità”, ha dichiarato l’esperta. “Non che questo sia normale. Non sembra normale e non deve sembrarlo, ma siamo chiamati da Dio a questo”. Per i cattolici, quest’àncora è legata alla spiritualità di ciascuno. “Una persona devota a Maria potrebbe vedere tutto questo come il decreto radicale della Santissima Madre, e allo stesso modo dire di sì alla volontà di Dio in un oceano sconosciuto”. Per i cattolici, l’“accettazione radicale” può anche essere collegata a una promessa di maggior fiducia attraverso la preghiera. Ciò può implicare l’impegno per una Messa dal vivo o uno studio biblico offerto online da un parrocchia.

2 Identificare aree fondamentali nella propria vita

Elencate le vostre nuove priorità: hobby, preghiera, rapporti specifici, miglioramento della salute fisica o qualsiasi altra opzione. Cercate un modo per stabilire mete per raggiungere degli obiettivi in questi settori.


Alessandro D'Avenia

Leggi anche:
Basta sacrifici alla “dea Ansia”, torniamo alla bellezza della Vocazione

3 Permettersi di soffrire

Lauree, matrimoni, anniversari e molti altri eventi importanti sono stati cancellati o quantomeno rimandati. La scuola è finita prematuramente per molti studenti, e intere stagioni sportive sono state cancellate. I cattolici non possono assistere alla Messa e ricevere l’Eucaristia. Tutto questo influisce sui nostri sentimenti. “Provare il senso di perdita di qualcosa mostra quanto sia importante per noi”, ha detto la Madere. “Se ci permettiamo di sintonizzare questo sentimento, può essere un’affermazione di questa importanza. Esternate l’amore nei confronti di Dio, della Messa, della comunità o di qualsiasi altra cosa che sentiamo come una perdita”.

4 Riconoscere ed evitare i pensieri negativi

La Madere ha osservato che esiste una tendenza umana alla polarizzazione. Nel linguaggio psicologico si può manifestare in distorsioni cognitive – pensare che sia tutto o niente, bianco o nero, successo o fallimento, buono o cattivo. “Le persone tendono alla negatività. Siatene consapevoli. Provate a determinare se quello che state pensando è vero al 100%. Come stiamo rispondendo? È così che dovremmo rispondere?”

Tags:
ansiacoronavirusfaticaisolamentoquarantena
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
6
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni