Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStorie
line break icon

Il racconto dalla “trincea” del pronto soccorso di un ospedale di Milano

GUAYAQUIL

Municipalidad de Guayaquil

Agi - pubblicato il 27/04/20

Vedere interi nuclei familiari distrutti. E anche telefonare ai parenti e comunicare i decessi. La dottoressa Greta Rossignoli racconta all'Agi la la sua esperienza al San Paolo. E ci regala un assaggio del suo 'diario della pandemia'

di Annalisa Cretella

“Telefonare ai parenti, tutti i giorni, anche 4 volte al giorno, e comunicare il decesso del nonno, del papà, della moglie, e dall’altro lato la disperazione di chi ascolta”. È una delle cose emotivamente più difficili di questo periodo, per Greta Rossignoli, dottoressa dell’ospedale San Paolo di Milano: “può sembrare marginale rispetto a vederli morire ma anche comunicare ai parenti che il virus si è portato via i loro cari è devastante”, al di là della “rabbia e del senso di impotenza” che certamente si prova nel vedere persone che non ce la fanno.

Greta, 30 anni carichi di energia e amore per il suo lavoro, racconta all’AGI la trincea del pronto soccorso, dove lavora da due anni e mezzo. E che mai in questi mesi ha pensato di lasciare, anzi: “nei momenti difficili la nave non si abbandona, si abbraccia stretta”.


HEART ATTACK

Leggi anche:
La paura degli ospedali triplica mortalità da infarto. Anche questa è emergenza Covid-19

Lei con un contratto con partita iva, non ci pensa proprio a fermarsi anche se si è “trovata nell’occhio del ciclone”. Il momento è troppo importante. Al San Paolo “nessuno di noi è crollato”

Per poter far fronte al numero elevatissimo di pazienti Covid, l’ospedale ha riallestito il vecchio pronto soccorso, che da pochi mesi era stato chiuso, dopo l’inaugurazione di uno spazio nuovo, più attrezzato”. E tutti hanno collaborato “allungando un po’ i turni – continua la dottoressa – . Io, come tutti, a marzo avrò fatto almeno 40 ore in più rispetto al solito. Ma adesso siamo ben organizzati”.

In questi due mesi, l’ospedale è diventato ancora di più la loro casa. “Mi sono messa in autoisolamento, non vedo nessuno dal 20 febbraio – continua Rossignoli – i miei amici sono i miei colleghi”. E i pazienti. “Difficile non affezionarsi, soprattutto agli anziani, sono i più fragili. Non hanno nessuno accanto, nessuno può entrare a fargli visita. Sono soli e noi siamo un po’ la loro famiglia, li vediamo e li visitiamo tutti i giorni”.

“La nipote del signor Cosmo – racconta – mi aveva chiesto di fare una videochiamata con lo zio con un tablet che abbiamo a disposizione. Lui, anche se non respirava molto bene, ha accettato. L’abbiamo fatta, e poi la nipote mi ha chiesto di leggergli un messaggio che gli aveva mandato. Era una lettera di addio, entrambi erano abbastanza consapevoli del fatto che non si sarebbero più rivisti. Ecco, sono contenta di averli ‘aiutati’ ma finisci piangendo anche tu. Anche se davanti a loro eviti. Cosmo è morto ieri”. Di storie così purtroppo ce ne sono tante, e anche più tristi: “con interi nuclei familiari distrutti”.




Leggi anche:
“Non ci siamo resi conto di cosa stava accadendo”. Parla il cappellano del Pio Albergo Trivulzio

“Giorni fa è arrivata al Pronto soccorso, una giovane donna di 30 anni, con la madre. Il padre era morto da 48 ore. Lei è stata messa in osservazione e la madre ricoverata. Poi si sono aggravate. La giovane è stata intubata e la madre è morta. L’unico parente è un cugino. Non riesco a immaginare cosa potrà provare questa ragazza se e quando si sveglierà”. Quasi a scopo terapeutico la dottoressa Rossignoli sta tenendo un diario della sua ‘personale pandemia’.

In un passaggio si domanda “cosa prova un normalissimo umilissimo e giovane medico di pronto soccorso di fronte a tutto questo”. “Ebbene, provo tante cose che fatico a mettere in ordine nella mia testa – spiega -. C’è il senso di impotenza che si somma al timore che i propri cari siano i prossimi pazienti, controbilanciato da un inusuale orgoglio di sentirsi dalla parte giusta a combattere una battaglia vitale, l’onore e il privilegio di comporre un minuscolo pezzo dell’enorme mosaico della sanità che lotta senza sosta, senza adeguati mezzi e senza giusta preparazione, e fa comunque la differenza. Nella drammaticità, a tratti sono felice lo stesso, e ora che state tutti a casa, lo sono ancora di più”.

Qui l’originale

Tags:
coronavirusospedale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni