Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 16 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconStile di vita
line break icon

La speranza tranquillizzante che ci farà mantenere la serenità

BLISKOŚĆ

BlurryMe | Shutterstock

Luisa Restrepo - pubblicato il 24/04/20

Speranza ai tempi della quarantena

Cosa significa aspettare in epoca di quarentena? Significa non solo passare il tempo finché tutto questo non sarà finito, ma innanzitutto aspettare con speranza. E perché possiamo vivere questo tipo di attesa? Perché Gesù, con la sua passione, ha fatto nuove tutte le cose.

Vediamo se riesco a spiegarmi. Noi cristiani crediamo che la Resurrezione di Gesù sia stata come quella di Lazzaro, ma in realtà è stata ed è molto diversa.

Le due parti della vita di Lazzaro (interrotte da una morte che è stata una semplice sospensione della vita) sono state identiche – entrambe terrene, entrambe non trascendenti, entrambe chiamate a sboccare nella via senza uscita della morte.

La vita di Gesù prima di morire e la sua vita dopo la resurrezione sono state però radicalmente distinte: la prima soggetta alla morte, la seconda con la morte sconfitta per sempre. La prima incatenata al tempo, la seconda pienamente libera.

In questo mondo la morte ci incatena. Le nostre catene variano: quella di alcuni è lunga tre o quattro metri, quella di altri quaranta, sessanta, ottanta…

“Molti anni fa, nostro fratello Gesù ci ha insegnato ad abbattere i muri rimuovendo la pietra dal suo sepolcro. Grazie a Lui possiamo nutrire una speranza che ha un termine molto più lungo di quello che ci offrono le banche (anche se voglio precisare, tra parentesi, che non credo in quella Resurrezione perché ‘ho bisogno’ di quella speranza, ma che nutro quella speranza semplicemente perché la Resurrezione di Gesù è l’asse e la base della mia anima. Ci crederei anche se non mi ‘servisse’ a nulla)” (Martín Descalzo. Razones para la esperanza).

Per questo la nostra speranza è quella che va oltre. Anela, desidera, è piena di speranza perché custodisce una promessa.

Pensando ad essa, ci rendiamo conto che è piccola. E perché? Perché si rinnova ogni giorno. Perché si alimenta ogni giorno. Perché non è sempre forte come la fede o come l’amore:

“La mia piccola speranza
è quella che si addormenta tutte le notti,
nel suo letto da bambina, dopo aver recitato le sue preghiere,
e quella che si sveglia tutte le mattine
e si alza e recita le sue preghiere con uno sguardo nuovo.
La fede è un grande albero, una quercia radicata nel cuore della Francia.
E sotto le ali di quell’albero la carità,
mia figlia la carità protegge di fronte a tutti gli infortuni del mondo.
E la mia piccola speranza non è nient’altro
che quella piccola promessa
che si annuncia proprio all’inizio di aprile”
(Charles Péguy. Il mistero dei santi innocenti).

È vero, la piccola speranza è quella che ci fa alzare la mattina. È quel piccolo valore per dare inizio alle nostre lotte quotidiane.

Per questo è piccola. Si vive un giorno alla volta e si riceve come dono. È quella piccola pacca di incoraggiamento che sentiamo che qualcuno ci dona ogni giorno.

“Coraggio: è una parola che nei Vangeli esce sempre dalla bocca di Gesù. Una sola volta la pronunciano altri, per dire a un bisognoso: «Coraggio! Alzati, [Gesù] ti chiama!» (Mc 10,49). È Lui, il Risorto, che rialza noi bisognosi. Se sei debole e fragile nel cammino, se cadi, non temere, Dio ti tende la mano e ti dice: “Coraggio!”. Ma tu potresti dire, come don Abbondio: «Il coraggio, uno non se lo può dare» (I Promessi Sposi, XXV). Non te lo puoi dare, ma lo puoi ricevere, come un dono. Basta aprire il cuore nella preghiera, basta sollevare un poco quella pietra posta all’imboccatura del cuore per lasciare entrare la luce di Gesù. Basta invitarlo: “Vieni, Gesù, nelle mie paure e di’ anche a me: Coraggio!”. Con Te, Signore, saremo provati, ma non turbati. E, qualunque tristezza abiti in noi, sentiremo di dover sperare, perché con Te la croce sfocia in risurrezione, perché Tu sei con noi nel buio delle nostre notti: sei certezza nelle nostre incertezze, Parola nei nostri silenzi, e niente potrà mai rubarci l’amore che nutri per noi” (Papa Francesco, Veglia Pasquale 2020).

Tags:
attesacoronavirusquarantena

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Ambrogio Villa: il demonio mi ha fatto vergognare durante un ...
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni