Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 15 Gennaio |
San Cleopa
home iconStile di vita
line break icon

Vivere l'isolamento: i consigli di un monaco

MNICH

roman tohtohunov | Shutterstock

Bérengère Dommaigné - pubblicato il 21/04/20

Anche se ci sono molti esperti in materia, monaci e monache hanno optato per questo stile di vita liberamente e con cognizione di causa. Abbiamo avuto l'opportunità di chiedere a uno di loro qualche consiglio per vivere meglio questo periodo inedito, che dev'essere sinonimo non di passività, ma di disciplina

Anche nell’abbazia di Saint Wandrille, nel nord della Francia, si vive l’isolamento. Il negozio ha chiuso i battenti, gli ultimi ospiti se ne sono andati qualche giorno fa e i monaci, per pregare insieme, occupano un posto su due nel coro, a disposizione di quinconce e su quattro file anziché due.

Al momento, però, non ci sono malati in questa comunità di trenta frati tra i 24 e i 93 anni. Secondo quanto ci ha detto uno di loro, “per noi non è cambiato molto, tranne forse per le passeggiate fuori dal chiostro che avremmo dovuto fare a metà della Quaresima”.

“E poi, in un monastero, tutto si fa nello stesso luogo. La Regola di San Benedetto ha previsto tutto, anche confinati. Abbiamo un chiostro di 14 ettari, grandi corridoi, un refettorio maestoso…” Sembra facile, allora, rispettare la distanza di “un metro”.

Abitare il tempo…

CATHEDRAL OF SAINT JOHN OF LYON
Public Domain

Quali sono secondo i monaci i segreti per vivere un “buon” isolamento? “L’isolamento è un apprendimento, bisogna abitare il tempo, viverlo nell’istante e non permettere che fluisca in modo informe”, ha spiegato il monaco di Saint Wandrille.

Nella vita dei monaci è piuttosto facile implementare tutto questo con l’aiuto di una vita caratterizzata dal ritmo degli uffici. “Dio è nell’istante presente, anche in tempi di crisi!”

Per altri confinati, però, bisogna imparare a vivere il momento presente, e questo è il primo pilastro della vita isolata.

“Concentrarsi su quello che si sta facendo, sull’istante, e quando il momento è passato fermarsi per passare a un’altra cosa è un modo costruttivo” di passare il tempo.

… con disciplina

PHONE
Warren Wong | Unsplash

Il secondo pilastro della vita in isolamento è la disciplina. “Paradossalmente, un tempo di isolamento può essere un periodo di dispersione e ansia, soprattutto nelle reti sociali, che consumano tanto tempo”.

Sorprende sentir parlare questo monaco, “isolato dal mondo” da dieci anni, che spiega con chiarezza e profonda conoscenza il mondo di Facebook, Twitter e Instagram, dove tanti di noi sprecano il proprio tempo.

“La libertà interiore può essere sterminata per la vacuità di Internet come anche per l’assenza di disciplina”. Bisogna quindi stabilire una gerarchia stabilendo cos’è importante e non sviandosi con quello che ci allontana da questo.

L’uomo deve continuare ad essere padrone di sé, accettare la sua debolezza, ma anche dominarsi.

Tornando agli schermi che sembrano a tutti noi indispensabili per non essere isolati dal mondo in questo periodo di confino, possiamo usarli, ma con criterio.

“Il Rosario in diretta con il Papa sulla pagina web del Vaticano non è tempo perso! Ma sono 30 minuti, non tre ore aggiornando la pagina di Twitter…”.

Il rapporto con il tempo è la vera sfida di questo isolamento – trovare una disciplina, dividendo il tempo in anticipo per dare ritmo alla giornata…

“Questo isolamento può essere un’opportunità per fare le cose in un altro modo, per ripensare alle priorità della vita” e porsi domande pertinenti, come “Quali abitudini ho, e quali potrei acquisire
ora?”

Rimanere nella comunione

DAMIANO,FRIAR
Mario Laporta | Kontro Lab

L’altra necessità sottolineata da questo isolamento è che le persone siano in comunione. “L’isolamento influisce il nostro desiderio di sociabilità, un desiderio che va coltivato”.

Ancora una volta, niente vale più del contatto umano, anche in questo momento. Ne sono prova le tante iniziative creative tra vicini e fedeli.

Conviene infine sapere che anche gli eremiti si impongono una disciplina diaria, e per quanto riguarda la comunione con gli altri la vivono attraverso l’unione mediante la preghiera.

Il segreto è questo: vivere in comunione con gli altri, per quanto possano essere lontani. E anche pensare a chi vive “la doppia pena”, come i senzatetto. “Non trascuriamo mai la forza della preghiera e la comunione con i santi”, ha concluso il monaco francese.

Tags:
consiglicoronavirusisolamentomonaco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni