Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconChiesa
line break icon

La forza che riesce a trasmettere la Regola di San Francesco d’Assisi

FRANCIS OF ASSISI

Public Domain

padre Enzo Fortunato, OFM Conv. - pubblicato il 17/04/20

La comunità francescana, rinunciando a lavorare per guadagnare, comprende che sarà più libera di denunciare le ingiustizie di una società che si proclama cristiana.

Conoscete la Regola di San Francesco d’Assisi? Perché ha trasmesso, al suo tempo, una forza e una rivoluzione senza precedenti?

La regola, come ci ricorda Bonaventura, è una «forma-di-vita», l’insieme di una serie di passi tratti dal Vangelo per orientare la vita sua e quella dei frati, a cui si aderisce integralmente.

Non si vive attraverso la prescrizione della regola, ma nella regola. È la regola che misura la vita, che ne detta il tempo. Nella regola l’osservazione esteriore della legge diviene superflua, perché essa è incarnata nella perfezione dell’esempio.

20. كان فرنسيس الأسّيزي ابن تاجر قماشٍ من الطبقة البورجوازيّة وقد ترعرع في هذا المنزل.Wikipedia))

Dalla ricchezza provengono le liti

Per scriverla, Francesco parte da una premessa: solo attraverso l’esempio positivo si può indurre qualcuno a cambiare, non attraverso l’esortazione della predica e la condanna del giudizio essere troppo duro da seguire, come gli faceva notare paternamente il vescovo Guido d’Assisi: «La vostra vita mi sembra dura e aspra perché non possedete nulla a questo mondo».

Il Poverello gli rispondeva così: «Signore, se avessimo dei beni, dovremmo disporre anche di armi per difenderli. È dalla ricchezza che provengono questioni e liti, e così sono impediti in molte maniere tanto l’amore di Dio quanto l’amore del prossimo. Perciò non vogliamo possedere alcun bene materiale in questo mondo».

Quindi la prima parola chiave con cui si presenta la Regola è “esemplarità“, che diventa povertà vera. Il francescano non ama prediche lunghe e noiose, ma lascia parlare, prima della sua bocca, la sua vita.

La perfezione è vivere in povertà

La rivoluzione del messaggio è questa: far parlare i fatti. «Povero non è il bisognoso, colui che manca-di, ma all’opposto, il teleios, il perfetto, colui che perfettamente imita il Figlio». In una parola, il cristiano. È l’avventura che Francesco desidera vivere, e trova espressione in alcuni capitoli di questa rivoluzionaria regola.

In un periodo storico in cui si cominciava a diffondere la moneta, in cui gli scambi commerciali aumentavano (lo stesso padre del Santo era un mercante in stoffe), e la ricchezza si concentrava nelle mani di pochi, Francesco e i suoi frati lavorano per servire gli altri, non per guadagnare o accumulare provviste.

La nascente comunità francescana, rinunciando a lavorare per guadagnare, comprende che sarà più libera di denunciare le ingiustizie di una società che si proclama cristiana.

PUBLIC DOMAIN

Amare e nutrire il proprio fratello

La regola è un testo che si presenta ancor più esplosivo se pensiamo che erano proibite alcune attività, non perché non animate da onestà ma perché non evidenziavano l’attenzione ai bisogni degli altri.

La regola invita i frati a manifestare all’altro la propria necessità con fiducia e ciascuno è chiamato ad amare e nutrire il proprio fratello come la madre ama e nutre il proprio figlio; invita ad accogliere chiunque, con bontà, addirittura anche un brigante.

La Regola non bollata e la Regola bollata

La prima regola pervenuta sarà presentata all’adunanza dei frati nel 1221. Ma rimase senza approvazione (Regola non bollata) sia del papa Innocenzo III, sia della Curia (l’approverà soltanto Onorio III nel novembre 1223, Regola Bollata). Innocenzo III comunque acconsentirà oralmente alla predicazione francescana.


ST FRANCIS,STATUE

Leggi anche:
Due gesti ribelli di San Francesco d’Assisi che non tutti conoscono


SAINT FRANCIS

Leggi anche:
Coronavirus: 3 consigli di San Francesco per affrontare questo difficile momento

Tags:
san francescosan francesco d'assisi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni