Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconChiesa
line break icon

L’intercessione della Madonna del Cerro ha salvato la piccola Anita?

© Katie Thomas / Flickr / CC

Niña

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 15/04/20

La bambina era affetta dalla grave sindrome di Kawasaki, poi un'improvvisa e rapida guarigione

Ad una Vergine che viene venerata nelle Marche, sono attribuiti numerosi miracoli. Sono centinaia, infatti, gli ex voto che si recano ogni anno al santuario di Sassoferrato, per portare un omaggio alla Madonna del Cerro. Tra questi ci sono anche i genitori di Anita.

«Un miglioramento così repentino non è spiegabile con le sole terapie». E’ questo il ritornello che si sono sentiti ripetere dai medici degli ospedali “Profili di Fabriano e Salesi” di Ancona Enrico Silvestrini ed Emanuela Libori, genitori di Anita, una bambina di tre anni affetta dalla sindrome di Kawasaki, e originaria proprio di Sassoferrato.

Facebook
La Madonna del Cerro

Il rischio di malattie cardiovascolari

Questa sindrome è un male poco conosciuto che colpisce i bambini al di sotto dei cinque anni. Sostanzialmente è una vasculite che interessa tutti i distretti arteriosi, per cui ci può essere un’infiammazione anche delle coronarie che può avere diversi gradi e diversi fasi di gravità. Le coronarie tendono a dilatarsi sino a formare aneurismi “giganti”. Anita ha rischiato una seria malattia cardiovascolare se non fosse accaduto qualcosa che neppure i medici riescono a spiegare fino in fondo. 

Valori scompensati

Tutto è iniziato a maggio di qualche anno fa. «Dopo sei giorni di febbre altissima, che peggiorava rapidamente – ricordano i genitori della bambina – raggiungiamo l’ospedale di Fabriano. I valori della Proteina C reattiva erano alle stelle tanto da far sospettare diverse gravi diagnosi: intossicazioni da farmaci o tossinfezioni e alcune malattie autoimmuni a noi ancora sconosciute come la sindrome di Kawasaki. I medici hanno deciso subito per un trasferimento d’urgenza all’Ospedale Salesi». 

Il dramma della diagnosi

Fatti gli accertamenti, i medici informavano Enrico ed Emanuela che l’unica diagnosi possibile era proprio la sindrome di Kawasaki. La prognosi era incerta e l’unica terapia possibile consisteva in una lunga infusione per vena di immunoglobuline. I rischi anche di futuri problemi cardiaci erano possibili.

«Il panico si trasformò in disperazione. Poi la luce. Il martedì mattina, dopo una notte appesi alla speranza che la terapia funzionasse, Anita dava evidenti segni di miglioramento. La febbre era svanita e l’ecocardiogramma ripetuto a 24 ore di distanza dava tutti esiti negativi. Il cuore era di nuovo perfetto. La bambina, grazie a Dio, migliorava a vista d’occhio. Molti medici hanno avuto il piacere ed il coraggio di usare la parola miracolo» (Corriere Adriatico, 4 marzo 2015).

Il santuario di Sassoferrato

Nessun danno permanente

In seguito ad altre ospedalizzazioni ed esami che ovviamente la bambina deve fare periodicamente, «molti medici ci hanno detto che un miglioramento così repentino non è spiegabile con le sole terapi». La risposta di Anita alla terapia è stata eccezionale perché quando la malattia compare con tutta la sua forza i danni cardiaci sono già permanenti. In questo caso, invece, la terapia ha funzionato bene e abbiamo tirato tutti un sospiro di sollievo».

L’intercessione miracolosa della Madonna

In tutto questo percorso tra un ospedale all’altro, oltre alle persone care, la bambina ha avuto anche un’altra “compagna”: un’immagine della Madonna del Cerro, particolarmente invocata dai suoi devoti nei casi gravi.

Tra le guarigioni più note che sarebbero avvenute con la sua intercessione quella di un bambino posseduto dal demonio, e di una donna povera priva di latte per il suo piccolo dopo numerose invocazioni da parte del marito. Anche Anita, sostengono i genitori, avrebbe ricevuto la sua protezione nel momento più difficile della sua vita. 




Leggi anche:
L’apparizione della Madonna e l’inspiegabile Miracolo dei fiori di Bra




Leggi anche:
Madonna del Frassino: guarigioni e prodigi a Peschiera del Garda?

Tags:
intercessionemadonnamiracoli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni