Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconStile di vita
line break icon

Una guida per prendere decisioni sulla morte in un momento di crisi

HOSPITAL BED

Thaiview | Shutterstock

E. Christian Brugger - pubblicato il 14/04/20

Vi avvicinerete alla fine della vita con molta più pace se ci rifletterete in anticipo

In tempi di crisi come il periodo che stiamo attraversando attualmente a causa del coronavirus, i cristiani e le loro famiglie devono forse affrontare decisioni difficile riguardo alla fine di una vita.

L’obiettivo di questo articolo è quello di offrire orientamento pratico a chi sta agonizzando o si sta prendendo cura di una persona agonizzante; un orientamento derivato dalla dottrina morale cattolica.

Cure ordinarie e straordinarie

Le domande più comuni sulla fine della vita ruotano intorno a quali trattamenti – inclusi quelli per il mantenimento delle funzioni vitali – dovrebbero essere accettati e a quali si dovrebbe invece rinunciare.

Stabilirò le direttrici etiche generali rilevanti in tutti gli scenari particolari di trattamento con i pazienti, per poi applicarle ad alcune questioni comuni.

Le direttrici devono essere impiegate per educare le coscienze, nei dibattiti tra i familiari e nelle consultazioni con i medici. Non sono norme arbitrarie stabilite dalla Chiesa cattolica. Incarnano verità morali che aiutano a prendere buone decisioni.

Direttrici etiche generali

Se un trattamento offre una speranza ragionevole di beneficio (ovvero non è futile) e se non è eccessivamente gravoso, allora bisogna accettarlo.

La dottrina morale cattolica si riferisce a questa forma di assistenza come a quella “ordinaria” (chiamata anche “proporzionata”). In genere si ha il dovere di accettare le cure ordinarie.

Se un trattamento non offre una speranza ragionevole di beneficio (ovvero è futile) o è eccessivamente gravoso, allora ci si dovrebbe rinunciare. È indicato come cura “straordinaria” (“sproporzionata”). In genere non c’è il dovere di accettare le cure straordinarie.

Domande e risposte collegate a queste direttrici

Chi decide sul fatto che un trattamento offra una speranza ragionevole di beneficio?

Il paziente, ma per prendere una buona decisione sull’ipotesi che un trattamento sia promettente, i pazienti devono tener conto il più possibile delle opinioni informate dei professionisti sanitari.

Il paziente decide anche sulla questione relativa al fatto che il trattamento sia eccessivamente gravoso o oneroso?

Sì. È possibile che tra i pazienti ci siano diversi standard soggettivi su ciò che costituisce per loro un peso eccessivo. Se un certo trattamento offre una speranza ragionevole di risultato positivo ma un paziente trova il trattamento enormemente repulsivo (ad esempio, una donna che è stata vittima di abusi sessuali da bambina e per la quale l’idea di essere intubata risulti intollerabile), si potrà incoraggiare il paziente ad accettare il trattamento, ma alla fin fine la decisione spetta a lui.

È fondamentale ricordare che la questione che si affronta riguarda l’ipotesi che il trattamento sia percepito come eccessivamente oneroso; non ci si sta chiedendo se il paziente sente che la sua vita sia troppo onerosa.

Se sentisse che la sua vita è enormemente gravosa, allora ha bisogno di aiuto (magari assistenza psicologica o pastorale), ma in quest’ultimo caso non gli si chiede se vuole alleviare quel peso, perché farlo implicherebbe il fatto di porre fine alla sua vita attraverso il suicidio assistito o l’eutanasia.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
coronaviruscristianimorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni