Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Rosari della Speranza per gli agonizzanti e per chi lotta contro la pandemia

Maria Paola Daud

Jaime Septién - pubblicato il 13/04/20

Iniziativa nata in Messico per sostenere i malati e chi si prende cura di loro

In tutto il mondo cristiano sono stati organizzati applausi, suoni di campane e espressioni di sostegno per lodare il lavoro di quegli eroi e quelle eroine che si battono in prima fila nella guerra contro il coronavirus.

Secondo quanto ha reso noto il portale Desde la Fe, di Città del Messico, nella parrocchia della Sacra Famiglia della capitale messicana è nata l’iniziativa di recitare i Rosari della Speranza, in cui si chiede ai fedeli di recitare ogni giorno il santo Rosario per medici, infermieri, malati agonizzanti e personale sanitario.

L’iniziativa è nata grazie al parroco, Andrés Esteban López, che insieme ad altri sacerdoti dell’arcidiocesi di Città del Messico e al dottor Carlos Suárez ha registrato un video fuori l’Istituto Nazionale per le Malattie Respiratorie (INER), il principale centro medico che in Messico assiste i malati di COVID-19.

Nel video, i fedeli vengono invitati ad “adottare” un malato, un medico o un membro del personale sanitario, o anche una persona che si occupi delle pulizie o della vigilanza, e a recitare ogni giorno il Rosario per lui. “Non li lasceremo soli”, indicano i promotori dell’iniziativa.

Accompagnamento in prima linea

La campagna è nata quando padre López è andato a confessare una donna che era stata contagiata dal virus. La donna è riuscita a riprendersi, ma il sacerdote ha pensato che ci fossero molte persone in condizioni gravi isolate negli ospedali senza qualcuno ad accompagnarle nel tratto finale della vita.

Anche i medici, il personale infermieristico, i barellieri, gli addetti alle pulizie e i poliziotti hanno bisogno di accompagnamento spirituale e forza per affrontare lo tsunami che inizia a diffondersi in alcune zone del Paese e procede a un ritmo più accelerato a Città del Messico e nei grandi centri urbani come Guadalajara e Monterrey.

“Molti medici stanno soffrendo davvero, hanno paura, ma non hanno altra possibilità che rimanere lì, e per la maggior parte sono davvero coraggiosi, perché anche a rischio di contagio hanno deciso di rimanere sulla barca”, ha detto padre López a Desde la Fe.

Visto che le autorità sanitarie del Paese hanno impedito l’ingresso negli ospedali ai sacerdoti per questioni sanitarie, il parroco della Sacra Famiglia ha pensato di organizzare la campagna dei Rosari della Speranza, perché la Vergine “entri dove noi non possiamo entrare e consoli chi sta soffrendo e chi, come in guerra, non ha orari o momenti di riposo”.




Leggi anche:
Nonna Ada ce la fa! A 104 anni sconfigge il coronavirus e torna a recitare il suo Rosario

Chiedere aiuto alla Vergine

Ricordando l’esempio dei pastorelli di Fatima – Giacinta e Francesco sono morti per l’epidemia detta “spagnola” -, si è reso conto che la Vergine avrebbe accompagnato i malati e sarebbe stata accanto ai medici, guidandoli con amore.

“Giacinta, già malata, fece visita a Lucia – l’altra pastorella veggente –, e le disse che sarebbe morta da sola in un ospedale di Lisbona in cui sarebbe stata portata; Lucia le rispose che non sarebbe morta da sola, che la Madre del Cielo le avrebbe fatto visita in quell’ospedale”, ha detto a Desde la Fe padre López.

È così che è nata l’idea dei Rosari della Speranza, a cui partecipano già vari sacerdoti, adottando un malato o un medico e chiedendo alla Madre del Cielo, mediante la recita di un Rosario, di aiutarli. “L’idea è che la gente si unisca a questa campagna e si recitino sempre più Rosari per chiedere alla Vergine il suo aiuto”, ha concluso il sacerdote messicano.

Come recitare i Rosari della Speranza?

I Rosari della Speranza si possono recitare dal luogo in cui si trovano i fedeli. Si suggerisce questa modalità:

Prima corona completa
Misteri Gaudiosi per un medico o una dottoressa.

Seconda corona completa
Misteri Luminosi per un infermiere o un’infermiera.

Terza corona completa
Misteri Dolorosi per un agonizzante, uomo o donna.

Quarta corona completa
Misteri Gloriosi per un membro del personale di vigilanza e pulizia, uomo o donna.

Tags:
coronavirusmalatimedicimessicosanto rosario
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni