Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconSpiritualità
line break icon

Cosa mi ha mostrato la quarantena sulla mia vita interiore

NATURE

Photo by Timm Fleissgarten on Unsplash

Catholic Link - pubblicato il 13/04/20

di Miguel Benítez Rueda

La quarentena ci ha dato troppe lezioni. Nell’epoca pre-pandemia, ci lamentavamo con grande nostalgia di come le nostre occupazioni ci impedissero di dedicare più tempo a cose che ci sembravano importanti, e che in un modo o nell’altro il nostro cuore reclamava.

Quante volte ci siamo lamentati del fatto di “non avere tempo” per chiamare qualche familiare o amico da cui ci eravamo allontanati, o di “non avere tempo” per leggere libri che volevamo leggere da anni o per riconciliarci con qualcuno che avevamo ferito o che ci aveva fatto del male?

Come frase di consolazione, in genere ci dicevamo “Lo farò quando avrò tempo”, con il verbo sempre coniugato al futuro.

Nella nostra vita spirituale accadeva spesso lo stesso

Julio Muñiz Padilla-CC

Quante volte, nelle nostre lunghe giornate, il nostro cuore si lamentava per il fatto di non trovare spazi di silenzo e raccoglimento in cui poter scoprire il volto buono del Signore? Quante volte scoprivamo nel nostro cuore il desiderio profondo di cercare Dio ma rispondevamo “Non ho tempo, forse più tardi, o domani”?

Quanto è stato sconcertante renderci conto durante questa lunga quarantena – in cui abbiamo più tempo libero del solito – che gli impedimenti per fare le cose rimandate non sono scomparsi, e che continuiamo a non farle?

Potremmo chiamare quella persona da cui ci siamo allontanati ma rimandiamo ancora, non lo facciamo. Potremmo dedicare lunghe ore a leggere tutti i libri che abbiamo comprato e riservato per il futuro, ma sembra sempre più attraente lanciarci in attività che ci stordiscono di rumore e tengono la nostra testa e i nostri sensi sempre occupati e distratti, pur stando in quarantena.

Potremmo anche approfittare di quei momenti privilegiati di silenzio e solitudine per incontrare Dio e abbandonarci al suo amore, ma rimandiamo. Forse più tardi. O domani.

Perché vogliamo lasciare sempre le cose per un altro giorno?

ODPOCZYNEK
Zohre Nemati/Unsplash | CC0

Riflettendo su questa contraddizione apparente durante la quarantena, mi sono imbattuto in queste parole di Gesù, che ha risposto a un rimprovero dei farisei perché i suoi discepoli non si purificavano le mani prima di mangiare. Gesù ha risposto loro: “Non quello che entra nella bocca contamina l’uomo; ma è quello che esce dalla bocca, che contamina l’uomo!” (Matteo 15, 11).

Poi ha detto ai suoi discepoli: “Non capite che tutto quello che entra nella bocca va nel ventre ed è poi espulso nella latrina? Ma ciò che esce dalla bocca viene dal cuore, ed è quello che contamina l’uomo. Poiché dal cuore vengono pensieri malvagi, omicidi, adultèri, fornicazioni, furti, false testimonianze, diffamazioni” ( Matteo 15, 17-19).

Queste parole di Gesù mi hanno fatto pensare che i veri impedimenti nella vita, e soprattutto nella vita cristiana, non si trovano tanto nelle cose esteriori – la mia mancanza di tempo o le circostanze in cui mi trovo -, ma nel profondo del cuore.

È nel cuore che si svolgono le vere battaglie, e forse non si vedeva molto chiaramente quando la vita era normale ed eravamo sopraffatti da un’infinità di attività e di rumore.

  • 1
  • 2
Tags:
quarantenavita interiore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni