Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconSpiritualità
line break icon

Domandiamoci alle soglie del triduo santo: amiamo per convenienza o per convinzione?

THIRTY SILVER COINS,

Gabriela Bertolini | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 08/04/20

Amare per convenienza ci fa vivere una vita d'inferno! «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?»: l’anticamera del tradimento è sempre la quantificazione dell’amore. Se l’amore è misurabile, prima o poi lo si vende per qualche altra cosa che ci sembra un affare.

In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù.

Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città, da un tale, e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.

Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto». (Mt 26,14-25)

“Allora uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariota, andò dai sommi sacerdoti e disse: «Quanto mi volete dare perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel momento cercava l’occasione propizia per consegnarlo”. L’anticamera del tradimento è sempre la quantificazione dell’amore. Quando si comincia a misurare l’amore ciò è segno che qualcosa è finito. Forse capita anche a noi di fare questo tipo di esperienza. Cominciamo, ad esempio, a quantificare quello che abbiamo fatto o meno per una persona, misuriamo le cose, il tempo, cominciamo a dire “ma io ti ho fatto questo e tu non mi hai fatto quest’altro”. Se amare significa scambiare quantitativamente dei beni, allora questo non è l’amore di Cristo. Se l’amore lo si può misurare prima o poi lo si vende per qualche altra cosa che ci sembra un affare. Se misuro il tempo della preghiera, il tempo che passo con i miei figli, il tempo che dedico a chi amo, allora appena potrò trovare qualcosa che mi prende meno tempo e mi toglie meno energie certamente lo sceglierò. Ma non sto cercando più l’amore ma la convenienza. A volte l’amore non conviene ma è sempre meglio. Giuda non trova più convenienza in Gesù per questo lo lascia. Dovremmo domandarci alle soglie del triduo santo se amiamo per convenienza o per convinzione. “«Colui che ha intinto con me la mano nel piatto, quello mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come è scritto di lui, ma guai a colui dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito; sarebbe meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto»”. Vivere e amare per convenienza ci fa vivere una vita da inferno, perché all’inferno ci si ritrova sempre per ragionamento e calcolo, ma l’amore è una sovrabbondanza che eccede i ragionamenti e i meri calcoli. Sarebbe brutto svegliarsi una mattina e dirsi “meglio non essere mai nati”.

Matteo 26,14-25

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni