Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Una finestra separa i nonni dal nipotino neonato durante la quarantena

Reprodução / Facebook
Condividi

Il piccolo Ollie è stato visto dai nonni solo attraverso un vetro per evitare un eventuale contagio

Con la pandemia del coronavirus e la quarentena, i neogenitori hanno raddoppiato le cure nei confronti dei loro bambini. Per via dell’alto rischio di trasmissione di malattie, videochiamate e fotografie sono le stategie trovate per presentare i nuovi membri delle famiglie a nonni, zii, cugini e amici.

È in questo contesto che il piccolo Ollie è venuto al mondo. Quando è nato, il 9 marzo, gli abitanti di Dublino (Irlanda) vivevano i loro primi giorni di isolamento, cosa che ha fatto andare a gambe all’aria i progetti della famiglia.

Durante tutta la gestazione, l’intenzione dei genitori di Ollie, Hannah Levins e Denis Cummins, era quella di avere la nonna Paula Norris vicino subito dopo il parto perché li aiutasse con gli altri due figli – Penny, di tre anni, e Lewie, di 14.

Con l’aumento del numero di casi di COVID-19 in Irlanda, però, sia il bambino che la nonna hanno avuto bisogno di misure preventive che escludevano del tutto il contatto fisico tra i due.

In un’intervista al sito Metro.co.uk, Hannah ha dichiarato che per via del cesareo a cui è stata sottoposta lei e il bambino hanno trascorso quattro giorni in ospedale, nel quale in quel frangente è stato ricoverato il primo paziente affetto da coronavirus.

“Mentre ero lì ho visto cambiare le cose”, ha dichiarato Hannah. “C’erano meno dipendenti, e le attività sono state interrotte per via dello scoppio della malattia nell’università. Ma anche così le ostetriche lavoravano a tempo pieno, svolgendo un lavoro fantastico”.

“Non erano permesse le visite, tranne dei genitori, ma anche questo è cambiato, e allora ci sono stati molti altri visitatori insoddisfatti fuori dall’ospedale, con cui l’équipe di sicurezza doveva rapportarsi”.

L’aumento dei casi di COVID-19 è stato così rapido durante il ricovero di Hannah che le misure di distanziamento sociale adottate in città hanno finito per rendere le sue dimissioni un’esperienza surreale.

“Il giorno in cui stavamo andando a casa è stato un po’ spaventoso. In ospedale eravamo al sicuro, ma uscendo c’era una sensazione di panico. C’erano file di persone disperate nei negozi. Quando sono arrivata con Ollie a casa è stato un sollievo”, ha detto Hannah.

A suo avviso, il grande problema che impediva ai nonni di conoscere Ollie da vicino è stato il fatto che un collega della nonna Paula è risultato positivo al COVID-19. “È stato difficile. È il loro ottavo nipote, e probabilmente sarà il più piccolo per un po’ di tempo”, ha aggiunto.

Anche se non possono mettere il bambino tra le braccia della nonna, Hannah e Denis hanno deciso di presentare Ollie ai nonni Paula e Hubert dalla finestra. “Può sembrare una foto triste, ma in realtà è stato un momento positivo e felice per noi. È stato molto difficile non sentirli vicini, ma abbiamo potuto aprire un’altra finestra per parlare un po’. È stato piacevole”, ha spiegato la mamma.

Per Hannah, riprendersi senza l’aiuto di Paula rende il momento ancora più difficile, ma ciò che conta è che tutti stiano bene. “La mia Penny, di tre anni, è molto vivace, e non vede l’ora di abbracciare il fratellino. A volte sarebbe bello avere un paio di mani extra, ma stiamo facendo del nostro meglio”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni