Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

L’elemosiniere del Papa a vescovi e cardinali: rinunciate a una mensilità di stipendio

REPORTER
Condividi

Il ricavato sarà destinato da Francesco all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del coronavirus

L’Elemosiniere Apostolico del Santo Padre, Cardinale Konrad Krajewski, rivolge un invito alla solidarietà ai Cardinali, agli Arcivescovi, ai Vescovi e ai Prelati che compongono la Cappella Papale.

La proposta, scrive Vatican News, è rivolta ai superiori ecclesiastici della Curia Romana, vale a dire i circa 250 tra capi dicastero, segretari e altri prelati: tutti sono invitati a devolvere uno stipendio mensile.

I cardinali vestiti con i paramenti rossi, in piedi davanti l'altare principale della Basilica di San Pietro per partecipare alla messa solenne ''pro eligendo pontifice'', che apre i riti del conclave per l'elezione del successore di Giovanni Paolo II il 18 aprile 2005. ANSA

“Le sofferenze di quanti sono nella prova”

A causa della pandemia da Covid-19, si legge in una nota, le celebrazioni liturgiche presiedute da Papa Francesco nella Settimana Santa saranno vissute senza la presenza di quanti, in conformità al Motu Proprio Pontificalis Domus, compongono la Cappella Pontificia.

Per partecipare alle sofferenze di quanti sono nella prova, in una missiva, l’Elemosiniere chiede di essere uniti intimamente e in modo speciale al Pontefice, Vescovo di Roma che “presiede alla comunione universale della carità” (Concilio Ecumenico Vaticano II, Costituzione Lumen gentium,13), attraverso un’offerta.

Il Santo Padre deciderà poi la destinazione dell’elemosina raccolta per l’emergenza sanitaria.

Marcin Mazur/UK Catholic
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni