Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Presunti “segni visti nel cielo” durante la pandemia

Redes Sociais
Condividi

Le nuvole e il sole stanno simboleggiando qualche messaggio divino attraverso immagini impressionanti viste e condivise?

I miracoli sono fenomeni scientificamente inspiegabili che contraddicono le regole della natura per come le conosciamo. I casi in questione, però, sono perfettamente spiegabili dalla scienza.

Perché un fenomeno possa essere ufficialmente dichiarato di carattere soprannaturale servono studi dettagliati. La Chiesa cattolica segue criteri scientifici piuttosto rigidi per affermare che si è verificato un miracolo. Per riconoscere i miracoli di guarigione, ad esempio, servono anche decine di anni. I fatti devono essere accuratamente studiati dai medici, rianalizzati dagli scienziati (nella maggior parte laici e perfino atei) ed esposti alle critiche pubbliche, e solo dopo tutti gli studi scientifici la Chiesa esegue l’analisi teologica mediante il lavoro delle sue commissioni di esperti in Teologia.

E allora i segni?

Se per “segno” si intende quello che ha un “significato”, non c’è sicuramente alcun errore nel dire che sono segni naturali – ovvero “previsti” nell’ordine naturale delle cose, e per quanto sembrino insoliti ai nostri occhi, indicano innanzitutto l’esistenza stessa di quell’ordine naturale. E questo è già un elemento importantissimo: esiste un ordine naturale anziché il mero caso.

Non è solo ciò che è soprannaturale a poterci colpire: anche la natura stessa, inclusa la nostra capacità naturale di ammirare ciò che è bello, ha molto da “dirci”, visto che il fascino della natura in sé già ci rimanda a una delle domande-chiave della filosofia e della scienza: qual è l’origine di tutto questo?

Anche un evento perfettamente spiegabile per via dell’ordine naturale delle cose può servire come spunto per riflessioni importanti.

Il cristiano crede che Dio ci parli attraverso segni, siano essi naturali o soprannaturali, e che lasci alla libertà di coscienza di ciascuno la decisione finale di come interpretarli. Gli atei stessi, del resto, sottolineano che le tragedie sono una “prova” del fatto che Dio non esiste, facendo appello alla loro “fede” nell’inesistenza di Dio sulla base di segni passibili di interpretazioni personali (che scientificamente parlando non sono validi come prove).

Per chi crede all’inesistenza di Dio, tutto sarà sempre un caso. Per chi crede in Dio e nel senso soprannaturale dell’esistenza, invece, tutto è e sarà sempre un grande miracolo, testimoniato da un’abbondanza di segnali pieni di senso.

“I cieli raccontano la gloria di Dio e il firmamento annuncia l’opera delle sue mani” (Salmo 18, 2)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni