Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconStile di vita
line break icon

Quando non è possibile assistere alla sepoltura di una persona cara

MOURNING COFFIN

Syda Productions I Shutterstock

Aleteia - pubblicato il 04/04/20

“Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”

Una voce sembra dissonante, perfino brusca. È quella di Gesù stesso:

“Un altro dei discepoli gli disse: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Ma Gesù gli disse: «Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti»” (Mt 8, 21-22).

Il padre della Chiesa Origene ha già cercato di gettare luce su questa posizione apparentemente disumana dicendo che “Gesù non impedisce la sepoltura dei morti, ma preferisce chi fa vivere gli uomini”.

Far vivere è più importante che seppellire. Non è quindi necessariamente illegittimo dover rinunciare, se è per proteggere la vita, la salute di tutti.

Bruno Valentin

Il contesto in cui è scritta la parola di Gesù non è principalmente sanitario. Nella versione di Luca dello stesso dialogo, Gesù specifica: “Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; ma tu va’ ad annunciare il regno di Dio” (Lc 9, 60).

In questo modo, si apre una vita futura: al di là del dovere di seppellire i morti, c’è un orizzonte finale che è quello delle esigenze del Regno.

Ancora più assoluto del dovere di deporre i morti con dignità nella terra è generarli alla vita di Dio. Il fatto che non riusciamo a fare la prima cosa come vorremmo non ci impedisce di provvedere alla seconda, ma come?

Non è mai troppo tardi

In primo luogo, confidando nella maternità della Chiesa: è tutta la Chiesa che è fatta per generare uomini e donne alla vita di Dio. È la sua ragion d’essere, il suo ruolo, nel corso della nostra esistenza.

La simmetria tra i riti del Battesimo e delle esequie ce lo ricorda: il segno dell’acqua, della luce o della croce significa che la Chiesa, pregando per i defunti, li avvicina alla vita eterna, alla quale li ha dati alla luce mediante il Battesimo.

Non è necessario che a un funerale siano presenti molte persone per farlo: “Dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro” (Mt 18, 20), ci promette Colui che è il Vivente (cfr. Ap 1, 18).

LIVE
Aleteia

Questo compito, inoltre, sfugge alle limitazioni del tempo e dello spazio. La comunione dei santi si fa beffe dell’isolamento!

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
coronavirusmorti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni